Aversa

Opere abusive alla Sun, tensione tra Sagliocco e Di Natale

 Aversa. Guerra fredda tra amministrazione comunale e facoltà di ingegneria dopo che i vigili urbani, lo scorso mese di ottobre, hanno elevato un verbale di sospensione di lavori per alcune opere edili.

In particolare, da quanto è dato sapere, si tratterebbe di alcuni lavori finalizzati all’ampliamento di un parcheggio già esistente che si affaccia su via Torretta. Da allora i rapporti tra la facoltà della Sun, della quale è preside il professore Michele Di Natale, e l’amministrazione della città normanna, guidata dal sindaco Giuseppe Sagliocco, sembrano essersi raffreddati.

Non a caso, hanno notato in molti, sino ad allora molti convegni e molti incontri organizzati dal Comune trovavano la loro sede all’interno dell’aula magna della facoltà, ospitata in quello che fu l’antico ospedale dell’Annunziata, splendidamente recuperata anche nei suoi storici giardini che dovrebbero essere aperti alla città.

Una circostanza, quella della mancanza dei prescritti permessi, che il sindaco di Aversa conferma quando, interpellato sull’argomento, afferma: “Sono a conoscenza del fatto che gli agenti di polizia municipale hanno riscontrato che erano in corso lavori edili senza le prescritte autorizzazioni. Della vicenda ho investito sia l’ufficio tecnico comunale che la Soprintendenza ai beni artistici in quanto il complesso dell’Annunziata è sottoposto a vincolo. La vicenda è ancora in corso, per cui non credo di poter dire più di tanto”.

Risponde più piccato, invece, quando gli chiediamo dei presunti rapporti freddi tra lui e il preside Di Natale: “Come Comune, con le istituzioni ragioniamo sempre. Non capisco perché ci si voglia interessare a questo aspetto che definirei più di gossip. Certamente non frequento il preside di ingegneria al di fuori dell’ambito istituzionale, ma i rapporti tra Università e Comune non sono affatto freddi. Nell’ambito dei rispettivi ruoli, i rapporti istituzionali non si sono mai interrotti. Questo, ovviamente, non significa che se ci sono stati abusi non saranno perseguiti”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico