Villa Literno

“A disposizione del boss”: assolto don Carmine Schiavone

 Villa Literno. Era stato accusato di essere “a disposizione” del boss Nicola Panaro, invitandolo, nel periodo in cui l’esponente del clan dei casalesi era latitante, a “farsi coraggio” e garantendogli aiuto e preghiere.

Ora per don Carmine Schiavone, sacerdote originario di Villa Literno, arriva l’assoluzione piena con il decreto di archiviazione disposto dal gip del tribunale di Napoli, che ha accolto le richieste degli avvocati Paolo Caterino, Sabato Graziano e Guido Diana.

Il parroco, 37 anni, figurava tra gli indagati dell’inchiesta che, lo scorso 22 ottobre, portò all’arresto di 14 persone ritenute fiancheggiatrici di Panaro, arrestato tre anni prima, il 14 ottobre 2010.

Una vicenda che indusse il vescovo della Diocesi di Aversa, Angelo Spinillo, a chiedere al sacerdote, viceparroco in una chiesa del Napoletano, di osservare un periodo di ritiro. Adesso, invece, don Carmine potrà continuare, serenamente, ad occuparsi della propria attività sacerdotale.

Articoli correlati

Camorra, il vescovo fa “ritirare” il prete indagato di Redazione del 25/10/2013

Camorra, presi i fiancheggiatori del boss Panaro: i nomi e le immagini di Redazione del 22/10/2013

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Ospedale Aversa, la dirigente Maffeo: “In un anno e tre mesi è stato fatto un lavoro enorme” https://t.co/lfeEOZwxuh

Aversa, bufera sul bando Puc: insorge associazione nazionale urbanisti https://t.co/xsU4TiX6LY

Aversa, investita e uccisa. Il parroco al pirata della strada: “Costituisciti” https://t.co/9dpxKRSYBM

Aversa, edificio a rischio: sindaco indagato. De Cristofaro: “Sono tranquillo, già mi ero attivato per risolvere” https://t.co/CBCMs8N6sY

Condividi con un amico