Sparanise - Pignataro Maggiore - Francolise - Calvi Risorta

Bonifiche ex Pozzi e Tabacchificio, Sorvillo critica Consoli

Mariano Sorvillo Sparanise. Da alcuni articoli di stampa si apprende che l’onorevole Angelo Consoli, consigliere della Regione Campania, ha finalmente chiesto alla Regione Campania la messa in sicurezza delle aree industriali di Sparanise, ex Pozzi ed ex Tabacchificio, site rispettivamente in via nazionale Appia ed in via Posta Vecchia.

“Voglio augurarmi – ha spiegato il sindaco di Sparanise Mariano Sorvillo – che almeno questa volta non sarà, come purtroppo solitamente avviene, solo il Comune di Sparanise a dover assolvere, con tempo e risorse finanziarie, a compiti non del tutto propri, per risolvere determinate problematiche”.

“Da tempo – continua il primo cittadino – chiediamo l’intervento della Regione Campania affinché sostenga, sia da un punto di vista finanziario che istituzionale, ogni azione volta alla bonifica dell’amianto presente in entrambi i siti. A dimostrazione del costante impegno che come istituzione del territorio quotidianamente viene profuso c’è anche l’ultimo sequestro avvenuto nell’area Asi della ex Vernici Iplave, che rappresenta solo l’ultima azione in ordine di tempo, messa in essere dall’amministrazione comunale, attraverso la Polizia Municipale, volta a risolvere le problematiche ambientali. Fa piacere constatare l’attivismo dell’onorevole Consoli che adesso si augura la messa in sicurezza delle due aree ma vorrei ricordare che, dopo ripetuti inviti dell’amministrazione comunale, l’Arpac è già stata a Sparanise, come è noto anche all’assessore regionale all’Ambiente Romano”.

“Tuttavia, qualcuno dimentica – prosegue Sorvillo – forse volutamente, che per quanto concerne il tabacchificio, l’amianto sta li dal 1958 ed è stata, con la prima ordinanza datata luglio 2009, questa amministrazione, l’unica a prendere iniziative concrete finalizzate alla rimozione dell’amianto ed alla bonifica dell’area. I sofismi e la retorica attraverso i quali si dà prova di profonda conoscenza dei meccanismi europei, in base ai quali è possibile agire in danno di chi ha inquinato, potrebbero essere rivelatrici anche di altri utili elementi che ad un umile sindaco di un paesino di provincia come me sfuggono”.

“Ad esempio, – conclude Sorvillo – parlando sempre di tabacchificio, si potrebbe rendere nota al popolo, e magari anche ad altri, qualche informazione in merito ai cambi di proprietà che si sono susseguiti nell’ex tabacchificio. Oppure si potrebbero rendere eruditi i cittadini sulle responsabilità di chi ha inquinato ed è scappato via mollando il problema, rigorosamente impacchettato in varie scatole cinesi, a chi è rimasto con il cerino in mano: vale a dire i cittadini ed i lavoratori di Sparanise”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Il teatro come risposta al razzismo: i ragazzi del Liceo 'Massimo' di Roma in scena a Maiano di Sessa Aurunca - https://t.co/B6pk2ZbEXD

A Capri arrivano 100 scacchisti per il torneo internazionale intitolato a Lenin - https://t.co/R2LTiCIYy5

Strage di San Marco in Lamis: arrestato uno dei killer - https://t.co/uKHKewnXeh

Roma, ritrovati dipinti del '600 rubati ai Parioli - https://t.co/9bD7hw89N4

Condividi con un amico