Italia

Deruba il supermercato in cui lavora “per sfamare i figli”

 Treviso. “Ero disperata. Mio marito ha perso il lavoro e, con il misero stipendio di cassiera, non riuscivo a sfamare i figli. Ho avuto un attimo di follia.Mi vergogno e chiedo scusa. Perdonatemi”.

Così una commessa di un supermercato di Treviso si è giustificata per il furto compiuto nello stesso in cui lavorava. La donna, inizialmente, aveva chiamato i carabinieri dicendo di essere stata derubata, ma subito dopo avevano capito che era stata lei a compiere il furto.

La giustificazione ha convinto i titolari del supermercato che l’hanno “assolta” (non si sono nemmeno costituiti parte civile, avendo ottenuto la restituzione dei soldi).

La donna, però, è stata comunque processata. Viste le prove e l’ammissione di colpa il suo avvocato ha cercato e trovato un accordo con la Procura. La cassiera ha così patteggiato 10 mesi di reclusione, con i doppi benefici (era incensurata).

La 30enne, giunta per prima nel supermercato, si è fatta attrarre dai soldi del fondo cassa.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Casapesenna, De Luca inaugura centro servizi dell'area Pip - https://t.co/gn463FNtRp

Santa Maria Capua Vetere, campione di arti marziali assolto da reato di rapina - https://t.co/Eef4eYfZcD

Aversa, crisi mercatini natalizi: la Lega chiede ubicazione più consona - https://t.co/Rq1YkNVXXS

Marcianise, "I mestieri dello Spettacolo": incontro con Lello Marangio - https://t.co/FW8Jj8MTiI

Condividi con un amico