Home

Renga, “Vivendo adesso” è l’inizio della grande rivoluzione

 E’ tornato e piace davvero tanto al suo pubblico che non aspettava altro che sentire la sua voce mischiarsi in note nuove ed avvolgenti, calde e fluttuanti come il suo timbro sa fare.

Un timbro che graffia e che lascia il segno. e il palco di Sanremo non poteva essere l’occasione migliore per raccontare il suo nuovo volto e la sua nuova traccia. Francesco Renga, dal palco dell’Ariston, racconta la sua necessità di cambiamento, filtrata e scritta nel nuovo album “Tempo reale”, in cui ha inserito anche il brano con cui a gareggiato al Festival.

Certo, la competizione canora non avrà dato i risultati sperati, essendo stato eliminato anche dalla terna del podio, ma l’importante, in questo frangente è il caso di dirlo, è partecipare. Perché quel palco ha raccontato il rinnovamento. Una svolta che a Sanremo è stata mostrata con “Vivendo adesso”, il brano scritto per lui da Elisa, quello che lui commenta come “il regalo di una grande amica e un’artista incredibile”.

Il brano ritraccia un percorso musicale interrotto 4 anni fa e rinnovato però partendo proprio dalla musica e dalla produzione. Ora a firmare il lavoro discografico in uscita l’11 marzo è la la Sony, dietro la produzione di Michele Canova. Una rivoluzione che gli ha permesso di cantare la storia di un amore fedifrago, clandestino e rubato, raccontato dagli occhi di una donna.

“E’ una canzone che racconta una passione consumata in una stanza d’albergo però con una visione molto femminile e delicata. Renga è orgoglioso di aver partecipato a questo Festival.”Credo sia stato un Festival ben pensato, costruito e poggiato sul tessuto sociale di questo Paese: qualsiasi altro modo di interpretare il Festival in un momento difficile e critico, a tratti disperato sarebbe stato sbagliato. Credo che la musica in questo momento possa restituire un po’ di serenità e speranza a chi fatica a trovarla”.

Prossimi appuntamenti il 19 maggio al Teatro degli Arcimboldi di Milano e il 21 all’Auditorium Parco della Musica di Roma.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico