Carinaro

Furto nella casa comunale, Masi: “Non pensavamo potesse accadere”

 Carinaro. “Ci hanno danneggiato non poco. Non eravamo attrezzati per fronteggiare un episodio di questo tipo”.

Lo ha dichiarato il sindaco Mario Masi nel commentare il furto dell’altra notte ai danni della casa comunale, quando ignoti hanno portato via 341 carte d’identità “in bianco” dall’ufficio Anagrafe, qualche migliaia di euro dalla Ragioneria e qualche litro di gasolio dalla cisterna.

“Pensavamo non potesse accadere, almeno qui da noi, a Carinaro, considerato che il paese è tranquillo”, afferma il primo cittadino. Non a caso l’ultimo furto, analogo, nella casa comunale risaliva a circa dieci anni fa, per il resto tutto tranquillo almeno sino a lunedì mattina”.

Anche se con un po’ di rammarico, Masi ha evidenziato che, proprio qualche giorno fa, era stato affidato alla stazione unica appaltante il varo di una gara per l’allarme esterno, videosorveglianza compresa. Una decisione che non era stata reputata urgente, proprio fondando sull’assunto che il paese era “tranquillo”. Ed è forse proprio per questa sua caratteristica che i malviventi hanno scelto di agire a Carinaro tra i diversi centri dell’agro aversano. Ad aiutare i “soliti ignoti” anche la conformazione della casa comunale che ha un ingresso secondario posteriore da dove, una volta raggiunto il parcheggio, si può agire indisturbati.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Aversa, De Cristofaro respinge accuse su Eav, buche e luminarie: "Facciamo fatti nel rispetto delle norme" - https://t.co/Wn6kqhMTOC

Trentola Ducenta, trasferimento mercato: per opposizione c'è rischio sospensione e spreco denaro pubblico - https://t.co/77F2Pr6WGy

Aversa, cena di beneficenza alla Salumeria del Seggio con lo chef Gaetano Torrente - https://t.co/1MqrCe3HSz

Aversa, “La politica che serve”: incontro alla Maddalena di Millennials e associazioni https://t.co/eoHmUx4HAK

Condividi con un amico