Italia

Precipita elicottero a Viterbo: muore il generale Calligaris

Giangiacomo CalligarisViterbo. Un elicottero dell’Esercito è precipitato dopo aver colpito un cavo dell’alta tensione in provincia di Viterbo, a 10 chilometri da Tuscania.

Le squadre di soccorso hanno trovato i due piloti senza vita. Una delle vittime è il generale di divisione Giangiacomo Calligaris, 57 anni, al vertice dell’aviazione dell’Esercito (Aves). Con lui è morto il tenente allievo pilota Paolo Tozzi, 25 anni, originario di Montefiascone.

Il velivolo, un AB 206, era scomparso dai radar poco dopo le 12.30 nella zona di Monte Romano, tra Tarquinia e Viterbo a nord di Roma. Le ricerche erano scattate in mattinata anche con elicotteri giunti da altre regioni d’Italia.

La zona in cui in precipitato l’AB206 dell’Esercito è impervia e non raggiungibile con i mezzi di terra, ma solo percorrendo a piedi alcuni sentieri. È stato un altro velivolo militare a trovare i rottami con i due corpi imprigionati. Nella zona – vicina a un’area di esercitazioni militari – era stata segnalata una linea elettrica aerea tranciata.

Le cause sono ancora in corso di accertamento da parte dell’autorità giudiziaria e delle autorità militari, ma l’ipotesi più verosimile è che l’incidente sia stato causato dal fatto che l’elicottero durante il volo di addestramento avrebbe incrociato un cavo dell’alta tensione elettrica, tranciandolo di netto, con conseguente blocco o danno al rotore tale da non consentire più un rapido intervento di emergenza e controllo del velivolo ad un pilota pur molto esperto come il generale Calligaris. L’elicottero è così precipitato.

Protagonista di numerose missioni di pace, già comandante della brigata aviotrasportata “Friuli” tra i caschi blu in Libano, Calligaris, di origini napoletane, era stato nominato comandante dell’aviazione dell’Esercito nel marzo 2013, a coronamento di una lunga carriera.

Negli ultimi anni aveva ricoperto un importante incarico al Coi, il Comando operativo di vertice interforze. Divenuto comandante del 49º Gruppo elicotteri d’attacco del 5º Corpo d’Armata nel 1994, quattro anni dopo era passato a comanda re il 6º Reggimento bersaglieri a Bologna.

Alla fine degli anni Novanta aveva partecipato quale capo delle Joint implementation commision alle operazioni di pace in Kosovo. In seguito aveva coordinato le forze Isaf in Afghanistan, in Chad (evacuazione di connazionali) e ad Haiti negli interventi di soccorso dopo il devastante terremoto del 2010.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Castel Volturno, picchiata e costretta a prostituirsi: arrestato ex convivente - https://t.co/zvmBvSYDvi

Molise, spacciavano droga nel carcere di Larino: 7 arresti - https://t.co/0oxKiDHrpW

Palermo, imprenditore antimafia pestato mentre tranquillizza ragazza: caccia all'aggressore - https://t.co/coR9LqERUg

Canicattì, evade dai domiciliari e rapina tabaccheria: arrestato - https://t.co/VIlYqY9ZZa

Condividi con un amico