Italia

Mini Imu a carico dei contribuenti: si valuta tassa sui giochi

 Roma. La legge di Stabilità non ha dato un assetto stabile al pacchetto composta da Tari, Tasi e Imu. Nei prossimi giorni sembrano, infatti, in arrivo altri colpi di scena.

Il primo potrebbe riguardare la mini-Imu, il cui pagamento è programmato entro il 24 gennaio: una parte dell’esecutivo valuterebbe l’ipotesi di sostituirla con una tassa sui giochi d’azzardo. Il secondo, invece, potrebbe portare all’ennesima revisione della Tasi. Anche se, sul punto, Scelta civica ha duramente attaccato il resto della maggioranza.

La vicenda della mini-Imu parte con la lettera dei sindaci dell’Emilia Romagna al premier Enrico Letta e al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, chiedendo di rimettere mano al pagamento del residuo di imposta per quei Comuni che hanno aumentato l’aliquota oltre quella base. La risposta del ministro per gli Affari regionali, Graziano Delrio non si è fatta attendere. In una telefonata con il sindaco di Ravenna, Fabrizio Matteucci, il ministro si è detto favorevole alla sostituzione del balzello con un inasprimento del carico fiscale sul gioco d’azzardo.

Nessuna illusione che la trattativa vada in porto: l’ipotesi era già stata fatta nelle scorse settimane, ma ha sempre trovato la decisa opposizione del ministero dell’Economia. Tanto che Delrio spiega: “Ho garantito un’attenta valutazione da parte del Governo delle proposte che sono state presentate dai sindaci rispetto al gettito una tantum per la mini Imu. Questo è l’unico impegno che ho assunto”.

Delrio precisa di aver spiegato al sindaco Matteucci “le difficoltà a modificare le normative in questo settore”. Anche quando era presidente dell’Anci, Delrio non è mai riuscito a scalfire il muro dell’Economia. Di certo, però, la partita sembra riaprirsi. Il progetto allo studio prevede che aumenti il plafond a disposizione dei Comuni per coprire la cancellazione e che sia istituita una tassa una tantum sui giochi.

Intanto, ulteriori modifiche potrebbero arrivare già nei prossimi giorni all’assetto della Tasi. In ballo c’è l’aumento dell’aliquota massima fino al 3,5 per mille, insieme a qualche revisione sulle detrazioni.

Mercoledì il Senato voterà la conversione del decreto Imu e in quella sede si stanno studiando degli emendamenti. Un’ipotesi che non piace per niente a una parte della maggioranza. Il vicepresidente della Commissione Finanze, Enrico Zanetti (Scelta civica) è stato durissimo: “Lo scorporo dell’Imu prima casa nella Tasi è stata una buffonata”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Inseguiti da Polizia si schiantano contro Tir: 4 morti nel Casertano - https://t.co/hDbWXKr19Q

Discarica Resit: Cipriano Chianese condannato a 18 anni, assolti Facchi e i fratelli Roma - https://t.co/eWGOpDt5RL

Aversa, corso di formazione su "La comunicazione: viaggio tra libertà e censure" - https://t.co/wdyqoanmzc

Sant'Agata de' Goti, Antonio Piscitelli nuovo presidente della Società Operaia di Mutuo Soccorso - https://t.co/Iq7V3iOfSe

Condividi con un amico