Caserta

Ztl, appello delle associazioni casertane al sindaco

 Caserta. Ztl dimezzata in corso Trieste. Una decisione presa a senso unico dall’amministrazione comunale, al di sopra e al di fuori del Tavolo di città ad hoc, del quale il Co.As.Ca., “Coordinamento delle Associazioni Casertane”, è componente.

Una decisione che ha spaccato ancora una volta le due parti in causa, quella dei commercianti e quella della associazioni che rappresentano la città. Sembra che per Ascom e Confesercenti non sia sufficiente l’apertura totale di corso Trieste al traffico, ma che si esiga anche la sosta a raso delle auto lungo la strada. Il parcheggio interrato in piazza IV Novembre, a soli pochi passi dal terminale del Corso, peraltro oggi a tariffa ridotta, non sta bene ai commercianti. Invece, per quanto riguarda la città, secondo uno studio realizzato dalla Eg Deal & Research su un campione di duemila casertani la Ztl, come modulata prima del dimezzamento, piace. Il 55,4% degli intervistati ha espresso parere favorevole, il 44,6% non favorevole.

La Ztl è indice di civiltà.Il Co.As.Ca., interpretando l’orientamento dei cittadini, insorge per due motivi: “Il primo – spiegano dal sodalizio – per non essere stato interpellato dal sindaco per l’assunzione di questa inspiegabile resa, che ha smentito le precedenti comuni posizioni, regolarmente verbalizzate. Il secondo è che quanto ora adottato dal Comune non sta bene neppure ai commercianti, che insistono per un ampliamento con parcheggio a raso. Tutto ciò premesso, il Co.As.Ca. invita il sindaco a verificare se Ascom e Confesercenti abbiano tenuto fede agli impegni assunti e verbalizzati per concorrere dalla loro parte all’attivazione della Ztl. Diamo atto che il Comune ha provveduto, come era stato richiesto, all’attivazione di mezzi pubblici in corso Trieste a prezzi ridotti e alla riduzione della tariffa del parcheggio in piazza IV Novembre. Ma rileviamo che sembra non aver verificato se i commercianti abbiano ottemperato agli obblighi assunti, quali una maggiore varietà di prodotti in vendita meno griffati e costosi al fine di richiamare e soddisfare clienti di diverse esigenze e di diverse possibilità d’acquisto, anche in considerazione della corrente e generalizzata crisi economica, e l’attivazione nelle adiacenze dei negozi di piccoli attrattori, come luci, diffusione di musica registrata, piccoli gadget eccetera”.

“In definitiva – concludono – risultano realizzati gli adempimenti del Comune e non realizzati quelli dei commercianti, ma desta meraviglia come il Comune stesso, prima di rimodulare la Ztl, non abbia tenuto conto delle inadempienze in atto”. Il Co.As.Ca. invita il sindaco Del Gaudio “al rispetto e alla tutela dei patti assunti con la città e i commercianti a non deprivare i cittadini di una conquista civile”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Governo presenta Reddito di Cittadinanza: "In caso di recessione metteremo in sicurezza i più deboli" - https://t.co/MX6WvToyoR

Di Maio: "Lino Banfi nella commissione Unesco". L'attore: "L'ho conosciuto in orecchietteria" - https://t.co/j19nu5x3lq

Marcianise, evasione fiscale: sequestrati beni per 3,2 milioni a "Ewa Oil" - https://t.co/Rqo4poG96t

Napoli, torna il Jazz Winter Festival - https://t.co/OW1Pgh2LLP

Condividi con un amico