Caserta

Terremoto e scuole, Petteruti: “Le buffonate proseguono”

 Caserta. Di recente ho parlato di buffonate a proposito di abolizione delle strisce blu dei parcheggi. Il palcoscenico del circo non ha però requie.

L’ultima boutade è quella della chiusura delle scuole di ieri 21 gennaio, su ordinanza del sindaco. Subito i numeri del terremoto: quello del 29 dicembre fu di magnitudo (intensità) 5 della scala Richter, quello del 21 gennaio di magnitudo 4.2. Senza scomodare logaritmi ed esponenziali, significa che il 29 dicembre esplose, nel ventre della terra, l’equivalente di circa 32000 tonnellate di tritolo, e il 20 gennaio “appena” 3000 ton circa. La bomba atomica di Hiroshima liberò energia per 20000 tonnellate di tritolo.

Basta questo per capire che Caserta, lontana molte diecine di chilometri dall’epicentro, ha ricevuto lunedì scorso poco più di un buffetto da madre Terra? Del resto, il prof. Edoardo Cosenza, assessore regionale e stimato docente di Tecnica delle costruzioni, ha spiegato chiaro che i due eventi sono nel rapporto di uno a dieci di intensità e che l’ultimo non ha avuto conseguenze apprezzabili, specie lontano dall’epicentro.

Né avrebbe potuto averne su organismi edilizi che, per essere aperti alla frequentazione dell’anno scolastico, devono aver avuto una certificazione di staticità che significa anche capacità di resistere a piccoli eventi sismici. O no? Ma in città, come è noto, quel che conta è la propaganda, anche quando fa danni ed è fondata su ignoranza crassa.

Così, senza pensarci due volte, il sindaco di Caserta, benché sbracciatosi su Facebook a spiegare che non c’erano notizie di danni né chiamate di soccorso, ha ordinato la chiusura delle scuole per il giorno 21 e le verifiche tecniche, per la gioia e il plauso di allievi, docenti e ausiliari. Quanto vale in termini di Pil una giornata di chiusura delle scuole?

Tanto è il danno erariale che questo scriteriato e mammista provvedimento, che una semplice telefonata al Capo dei VV.FF. avrebbe potuto evitare, reca alla comunità. E non è un’esimente il fatto che altri sindaci si siano omologati, anzi è l’aggravante per non aver saputo dare esempio di serietà e consapevolezza. Oggi 22 gennaio scuole riaperte. Dunque verifiche effettuate e risultati favorevoli (si presume).

Davvero? A me giungono prime notizie da cui risulta che al Liceo artistico di San Leucio ieri (e oggi) non si è fatta alcuna verifica. Al Liceo Manzoni solo oggi la Provincia ha mandato un geometra! Negli altri Istituti non so.

Se così è trovo criminale aver consentito il ritorno a scuola senza che siano state certificate le (pur superflue e costose) visite di controllo. E la peggior figura sarebbe riservata ai dirigenti scolastici che avessero tollerato questo andazzo senza battere ciglio. Le Buffonate proseguono. Intanto, oggi il Consiglio comunale non si è tenuto per mancanza del numero legale. S. E. & O!

Nicodemo Petteruti

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Frattamaggiore, la truffa del "pellet fantasma" da 2 milioni di euro - https://t.co/U5wWXwvoZN

"Le radici cristiane della nostra terra": incontro a Frattaminore con Gianfranco Amato - https://t.co/kJEamWJK8g

Mafia, colpo al clan di Giarre: affiliati tatuati con un "bacio" - https://t.co/hSlixSWGIp

Porto Recanati, spaccio di droga: arrestati 3 pachistani - https://t.co/74Bv8AQja6

Condividi con un amico