Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

“Sandokan” vuole parlare con i magistrati: “Stanco di essere sempre accusato”

 Casal di Principe. “Basta essere tirato in ballo da tutti per fatti che non ho commesso, voglio spiegare la mia estraneità ai fatti”.

Così, a sorpresa, il boss del clan dei casalesi, Francesco Schiavone, meglio conosciuto come “Sandokan”, rompe il silenzio a 16 anni trascorsi dal suo arresto avvenuto a Casal di Principe l’11 luglio del 1998. Da allora, rinchiuso al regime del carcere duro, non ha mai parlato. Ma giovedì pomeriggio, durante un’udienza del processo “Ammutinato più 60”, ha chiesto la parola: “Sono disponibile a parlare con il pubblico ministero”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Castel Volturno, picchiata e costretta a prostituirsi: arrestato ex convivente - https://t.co/zvmBvSYDvi

Molise, spacciavano droga nel carcere di Larino: 7 arresti - https://t.co/0oxKiDHrpW

Palermo, imprenditore antimafia pestato mentre tranquillizza ragazza: caccia all'aggressore - https://t.co/coR9LqERUg

Canicattì, evade dai domiciliari e rapina tabaccheria: arrestato - https://t.co/VIlYqY9ZZa

Condividi con un amico