Campania

Calcio e tangenti a politici: arrestato presidente della Nocerina

Giovanni CitarellaSalerno. Mandato d’arresto per Giovanni Citarella, il presidente della Nocerina, finito in una inchiesta su false fatturazioni nella gestione della società calcistica dell’agro nocerino.

Sono tre, in totale, le ordinanze di custodia cautelare emesse dalla Procura. Le altre due sono per il figlio di Citarella, Christian, e il cognato Alfonso Faiella.

I reati contestati sono intestazione fittizia di beni, fatture false ed evasione fiscale. Sequestrato il club rossonero e beni per oltre cento milioni di euro. L’inchiesta è solo un filone di una maxi indagine sui rapporti illeciti tra politica e imprenditoria. E, a seguito di alcune dichiarazioni durante gli interrogatori, è stato scoperto il giro di false fatturazioni.

Tra i beni sequestrati ci sono le quote dell’hotel di Mercato San Severino dove va in ritiro la squadra e quelle di un albergo di Minori, sulla costa di Amalfi. Gli inquirenti ipotizzano pagamenti in nero di ingenti somme a calciatori professionisti militanti nella Nocerina e ad altri tesserati e dipendenti della società sportiva, tra cui allenatori e magazzinieri. Sequestrate anche quote pari al 42% del capitale sociale della Nocerina Calcio.

L’inchiesta è partita da alcune dichiarazioni di un calciatore della Nocerina, Roberto Magliocco, che aveva ricevuto assegni dal club per quasi cinquantamila euro che non era riuscito ad incassare. Soldi, questi, che venivano pagati a nero. Con operazioni di questo tipo e altri fondi neri su false fatturazioni, Citarella aveva creato un sistema di accantonamento di soldi che poi venivano utilizzati per versare tangenti ai politici per ottenere appalti.

Ai tre destinatari del mandato d’arresto viene contestato il reato di associazione per delinquere finalizzata alla emissione di fatture false ed al trasferimento fraudolento di valori. Secondo quanto appurato dalle indagini condotte dal pm della Procura di Nocera, Roberto Lenza, i fratelli Citarella e Faiella elargivano pagamenti in nero ai giocatori della squadra di calcio della Nocerina mediante la creazione di societa’ fittizie per evadere il fisco. In totale sono 136 i soggetti indagati per i reati tributari e di fittizia intestazione di beni e riciclaggio.

Le indagini hanno dimostrato come Citarella, amministratore unico della Nocerina Calcio, per evitare future possibili aggressioni patrimoniali, aveva effettuato intestazione fittizie di beni e quote societarie avvalendosi di soggetti nullatenenti anche di familiari. I Citarella avevano creato una fitta rete di società, molte delle quali intestate a clochard senza fissa dimora spesso irreperibili. I soldi in nero delle società, venivano utilizzati non solo per pagare i giocatori della squadra ma anche per elargire tangenti ai fine della aggiudicazione irregolare di appalti pubblici.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Pizzo e atti intimidatori a commercianti: 10 arresti a Palermo - https://t.co/IMDZo4lFXl

Trentola Ducenta, Melucci consulente per la sicurezza del sindaco Sagliocco - https://t.co/eRTPSGmfiA

Impianti rifiuti, controlli tra Napoli e Caserta: sequestri e sanzioni per oltre 76mila euro - https://t.co/CC1nd5uif9

Piedimonte Matese, degrado Palazzo Ducale: aperta inchiesta dopo denuncia M5S - https://t.co/WsT3nUyUoa

Condividi con un amico