Caiazzo - Castel Morrone - Piana di Monte Verna - Castel Campagnano - Ruviano

Castel Morrone, Pd: “Al via le richieste di rimborso”

 Castel Morrone. La vicenda Tarsu è ancora aperta. L’amministrazione comunale capeggiata da Pietro Riello, con avvisi a raffica, ha addebitato e incassato dai contribuenti nel 2013 ingenti somme di denaro non dovute, per un servizio di raccolta rifiuti non sempre impeccabile.

Una vicenda che ha sollevato un diffuso malcontento nel paese verso il sindaco, non solo per la spedizione di accertamenti sbagliati ma soprattutto perché si ha la netta sensazione che il prelievo fiscale sia andato ben oltre il dovuto. Il gruppo dirigente del locale circolo Pd, insieme al consigliere comunale Aniello Riello, ha deciso di vederci chiaro e nei giorni ha tenuto un incontro con un gruppo di cittadini e il rappresentante della Federconsumatori Antonio Riello.

Allo stesso tempo il segretario del circolo Pd, Raffaele Altieri, ha chiesto un incontro con l’assessore comunale alle Finanze, Cristoforo Villano, al fine d’istituire un tavolo tecnico per l’immediata restituzione delle somme indebitamente introitate.

“Il nostro partito, – ha affermato Raffaele Altieri – con il supporto della Federconsumatori, ha ricalcolato la Tarsu dovuta e dal riconteggio emergerebbero novità interessanti per i tartassati cittadini. I contribuenti che hanno regolarmente pagato già le tre rate possono chiedere al Comune il rimborso delle somma pagata in eccesso. Chi non ha pagato ancora la terza rata deve richiedere la rideterminazione dell’effettiva tassa dovuta. Dai nostri calcoli scaturisce un credito per i contribuenti pari a circa il quindici per cento della somma totale pagata con le prime tre rate e del trenta per cento della somma totale pagata nel caso sia stata versata anche la quarta rata”.

Il Pd e la Federconsumatori si offrono, quindi, come terminali per il recepimento delle richieste di rimborso e per il riconteggio delle somme realmente dovute. Per il ricalcolo della Tarsu, ogni contribuente munito dell’avviso di pagamento Tarsu 2013 e delle copie delle ricevute di pagamento potrà recarsi presso lo sportello della Federconsumatori ubicato al civico 18 di via Largisi, aperto il mercoledì e il venerdì dalle 17 alle 19.

“Si è arrivati a tanto – conclude Altieri – per i ritardi e la mancata comprensione della gravità dei fatti da parte dell’amministrazione comunale, che in un primo momento ha parlato di un reinvio degli avvisi di pagamento con rettifica non comprendendo che i morronesi avevano già pagato più del dovuto. Ed ora mena il can per l’aia per sollevare un polverone buono solo a nascondere il vero scandalo, delle bollette gonfiate, generato dal sindaco Pietro Riello”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Parete, si inaugura la Biblioteca Comunale con dibattiti culturali e musica - https://t.co/0WdxjnlbMh

Furto in banca a Succivo e in negozi del Casertano: arrestati due rom a Giugliano - https://t.co/ixiniFH63i

Aversa, "Educazione alla Cittadinanza" nelle scuole: parte raccolta firme - https://t.co/KerD4pBcr3

Aversa, Carratù chiarisce su stipendi Apu: "Già pagati per il 70%, presto il saldo" - https://t.co/I7toUA73VS

Condividi con un amico