Italia

Torino, agente uccide ispettore e poi si spara alla gola

 Torino. Tragedia
nel carcere torinese Lo Russo Cotugno (ex Vallette). Un poliziotto, Giuseppe Capitano, 47 anni, ha ucciso
un ispettore, Giampaolo Melis, di
53, e poi ha rivolto l’arma contro se stesso.

È morto all’ospedale Maria
Vittoria. Sarebbero stati sparati diversi colpi al termine di una lite
degenerata immediatamente in vera e propria sparatoria.

Entrambi gli agenti
lasciano moglie e due figli ciascuno. “Siamo rimasti tutti scioccati. Erano due
bravi ragazzi, ci vedevamo ogni mattina. Vivere qui dentro è impossibile. I
ritmi sono stressantissimi. È come combattere una guerra ogni giorno”.

È lo
sfogo di Mimmo, un agente di polizia penitenziaria amico delle due vittime.Stando
ad una prima ricostruzione, i fatti sarebbero andati in questo modo. Sono le 8.
Capitano (con il grado di assistente capo) entra nel bar interno della casa
circondariale. Lo spaccio è affollato. L’agente vede il suo superiore. Lo
avvicina. E gli rivolge, appunto, questa domanda: “Cosa mi state combinando tu
e il capo?”.

Frase motivata dal timore di essere raggiunto da un provvedimento
disciplinare, per motivi che sono ancora da chiarire. Per questo Capitano ha
estratto la pistola dalla fondina e ha esploso diversi colpi contro Melis,
centrandolo all’addome e alla testa.

L’ispettore è morto all’istante. Subito
dopo l’agente ha rivolto la rivoltella verso se stesso, sparandosi alla gola. “Nessuno
dei due aveva problemi psichiatrici, erano tranquilli. Ma qui dentro basta un
nulla per farti impazzire. È stressantissimo. La gente non ci vede e non sa
cosa facciamo. Ogni giorno detenuti picchiano miei colleghi. Ci sono guerre
quotidiane”.

Al bar del carcere è arrivato anche il direttore delle Vallette, Giuseppe Forte. “Siamo tutti sconvolti.
Questa tragedia per noi è familiare perché qui ai passa gran parte della
giornata”. “Erano due persone innamorate del loro lavoro – spiega – due persone
corrette”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico