Italia

Maltempo al centro-sud: a Pescara donna muore annegata in sottopasso

 ROMA. Pesanti piogge flagellano il centro-sud del Paese e provoca una vittima.A Pescara una donna è rimasta bloccata all’interno della suaautovetturain un sottopassaggio alle porte dellacittàintorno alle 5.30 di lunedì mattina.

Si chiamava Anna Maria Mancini, 57 anni, originaria di Santa Teresa di Spoltore, che avrebbecontattato il marito chiedendo aiuto e riferendo di stare annegando. Già domenica il maltempo aveva fatto anche una vittima a Roma:Gianni Danieli, un fisioterapista di 41 anni,è rimasto schiacciato dal peso dell’albero caduto lungo via Colombo mentre transitava in sella alla sua motocicletta.

Sempre a Pescara, dove è stato attivato il Centro operativo comunale (Coc) per far fronte all’emergenza, si registrano allagamenti ovunque, da Portanuova a San Donato fino alla zona Nord, dove l’acqua ha raggiunto gli 80 centimetri di altezza. L’amministrazione comunale sta valutando di far evacuare la zona di villaggio Alcyone, nell’area sud della città, perché il fosso Vallelunga ha raggiunto il livello stradale ed i ponti e sta esondando. In tal senso sono già pronti gli autobus e si sta predisponendo il punto di raccolta in una palestra.A Montesilvano, comune sul litorale pescarese,il fiume Saline è esondato in più punti. Alcune strade si sono trasformate in veri e propri torrenti, allagando abitazioni, scantinati, garage e negozi.

Allerta anche in Sardegna.Ad Olbia, già martoriata perladisastrosa alluvione del 18 e 19 novembre scorsi,il sindaco Gianni Giovannelli ha firmato l’ordinanza di chiusura per tutte le scuole di ogni ordine e grado, anche perché, nonostante la criticità ordinaria, sono in corso numerosi interventi di ripristino delle strutture colpite dall’ultimo evento calamitoso, pertanto il traffico per l’attività scolastica potrebbe risultare d’intralcio e limitativo delle capacità di risposta delle strutture di soccorso in caso di ulteriori gravi criticità.

Molto pesante la situazione in Basilicata, soprattutto nella provincia di Matera, per le conseguenze dei nubifragi che domenica hanno provocato l’esondazione dei fiumi Basento, Agri e Sinni con gravi danni. Intere zone sono in una situazione emergenziale e sono circa 180 le persone sfollate, secondo il bilancio provvisorio della Regione. Chiuse le scuole a Matera, Montalbano Jonico, Nova Siri, Policoro, Ferrandina, Stigliano, Rotondella, Grottole, Tursi e Miglionico, Bernalda, Craco, Pisticci e Marconia di Pisticci.

Scuole chiuse anche nel Casertano: nel capoluogo domenica forti raffiche di vento hanno provocato la caduta di decine di alberi; a Maddaloni il cimitero è stato chiuso perla pericolosità di alcuni arbusti; a Marcianise chiuso un istituto tecnico, con l’annessa strada, per la caduta dicalcinacci dall’edificio scolastico.

In Puglia, un treno deragliato sulla linea Potenza-Foggia domenicasera, intorno alle 23, vicino alla stazione di Cervaro (Foggia), probabilmente per il cedimento della sede ferroviaria causato dal maltempo. Ricoverati in prognosi riservata il macchinista ed il capotreno. A bordo del convoglio c’erano soltantodue viaggiatori, uno dei quali un dipendente fuori servizio di Rfi, Rete Ferroviaria Italiana, anche loro trasferiti all’ospedale del capoluogo ma non in gravi condizioni. La circolazione dei treni sulla Potenza-Foggia è stata sospesa e sostituita con servizi di autocorriere.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico