Italia

Forconi, tafferugli a Milano. Tensione a Roma e Torino

 Torino. Terzo giorno di proteste per il movimento dei “forconi”. Blocchi stradali, manifestazioni e sit-in proseguiranno fino a venerdì in tutta Italia.

La situazione più “calda” resta a Torino dove mercoledì 11 dicembre c’è stato un secondo arresto per violenza privata aggravata da parte di un manifestante, dopo quello di un camionista avvenuto in piazza Derna. La Digos ha identificato e arrestato un giovane di 25 anni, per aver tentato d’impedire a un tassista di svolgere il suo lavoro, minacciandolo e intimandogli di scendere dal mezzo. Nella giornata di mercoledì, inoltre, alla protesta si è unito anche un gruppo di studenti.

Tafferugli a Milanotra un gruppo di tifosi dell’Ajax e i manifestanti dei “forconi”, l’intervento delle forze dell’ordine ha riportato la calma. Nella capitale il servizio della linea B della metro e della Roma-Lido è stato interrotto nei pressi della stazione Garbatella a causa dell’occupazione dei binari da parte di un gruppo di manifestanti.

Un centinaio di manifestanti ha organizzato un sit-in in piazza Montecitorio durante il dibattito sulla fiducia al governo Letta. Dalle 13.10 alle 14 sono stati occupati i binari della linea Torino-Bardonecchia, ad Avigliana. A Cerignola, nel Foggiano, un imprenditore riapre i supermercati dopo due giorni di chiusura forzata, prima lo minacciano e poi una bomba carta viene fatta esplodere davanti a uno dei punti vendita.

La piattaforma di adesioni alla protesta si è allargata a macchia d’olio rispetto alle origini del movimento nato in Sicilia nel gennaio 2012 come rivolta di autotrasportatori e agricoltori contro il caro carburante. Mercoledì ha inglobato studenti, disoccupati, precari, venditori ambulanti e persino ultras delle curve calcistiche. “Finché questi politici non se ne andranno a casa, sarà lotta ad oltranza”. Così Danilo Calvani, uno dei leader dei contestatori che aggiunge: “Se sarà votata la fiducia al Governo Letta sarà l’ennesimo colpo di Stato. Noi delegittimeremo questa politica e andremo a Roma da tutta Italia”.

Silvio Berlusconi, intanto, torna a incalzare l’esecutivo, ma ha rinviato l’incontro con una delegazione previsto per mercoledì pomeriggio: “Da giorni il nostro Paese è bloccato dall’azione di protesta. Sino ad ora il governo è apparso poco reattivo. Cosa aspetta a convocare queste categorie? Forse che accada qualcosa? Ho deciso, per evitare ogni possibile strumentalizzazione di rinviare l’incontro previsto per questo pomeriggio con una delegazione di autotrasportatori”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico