Caserta

Province, Zinzi: “Il ddl Delrio è un pasticcio”

Domenico ZinziCASERTA. “Sulle Province, con il ddl Delrio, si sta per compiere un autentico pasticcio. Se dobbiamo creare, come sembra, degli inutili ibridi, meglio abolirle del tutto.

Sarebbe, invece, necessaria una riorganizzazione delle Province, che miri ad un reale risparmio dei costi senza intaccare il ruolo fondamentale che esse hanno di Ente intermedio tra Regioni e Comuni, con competenze di grande rilievo quali ambiente, scuole, viabilità e politiche del lavoro. Ho sempre condiviso la proposta dell’Upi di riduzione (circa la metà di quelle attuali, che sono 110) delle Province: non è possibile che esistano Enti che hanno meno abitanti della città di Caserta. Tuttavia, esse dovrebbero conservare l’attuale struttura, le competenze e, soprattutto, gli organismi elettivi, col suffragio universale”.

A dichiararlo è stato il presidente della Provincia di Caserta, Domenico Zinzi, intervenuto stamani al Belvedere di San Leucio in occasione del convegno “Riforme costituzionali e ruolo dei Comuni per lo sviluppo” organizzato dall’Arec, l’Associazione degli ex consiglieri regionali della Campania.

“La verità – ha aggiunto Zinzi – è che occorrerebbe fare una seria riflessione sulle Regioni, partendo proprio dalla provocatoria proposta del Presidente Caldoro di abolirle. Più che accanirsi sulle Province, che sono ormai diventate il capro espiatorio per eccellenza e la bandiera da sventolare da parte di tutte le forze politiche, andrebbe considerato come le Regioni siano il vero “buco nero”, nel quale si annidano enormi sprechi”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico