Campania

Violentata a 11 anni e ridotta in schiavitu’: arrestato il suo sfruttattore

 Napoli. Quando era poco più che una bambina, all’età di 11 anni, era stata violentata dal suo patrigno. Per scappare da quell’incubo, Serena (nome di fantasia), albanese, oggi 20enne, aveva creduto alle promesse di un suo connazionale che si era finto innamorato di lei e l’aveva seguito in Italia.

Ma una volta giunta nel nostro paese era stata ridotta in schiavitù: una vita di violenze, maltrattamenti, sfruttamento, un vero e proprio annientamento psicologico. Veniva fatta prostituire dieci ore al giorno, prima a Giugliano, lungo la Domiziana, poi a Maddaloni, nel Casertano. L’intero “incasso” della giornata, che variava dai 50 ai 700 euro, veniva trattenuto da E.Z., il suo sfruttatore. A lei andavano solo 20 euro da spendere per fare benzina nell’auto con cui si spostava.

Pochi giorni fa era stata malmenata brutalmente. Il suo aguzzino, rientrato da un viaggio in Albania, l’aveva accusato di aver rubato soldi e una pistola che custodiva in casa. A quel punto, una volta giunta in ospedale per farsi medicare, ha deciso di chiedere aiuto alla polizia. Gli agenti del commissariato Arenella hanno rintracciato e arrestato l’uomo, ora rinchiuso nel carcere napoletano di Poggioreale.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico