Aversa

Mcs, la New Dreams scrive lettera a Babbo Natale per Adele

 Aversa. “Una mia cara amica mi ha fatto una richiesta: se potevo scrivere per lei una letterina a Babbo Natale”.

A parlare è Donato Liotto, presidente della associazione “New Dreams” di Aversa, che spiega: “Mi ha detto ‘Caro Donato, tu conosci i miei pensieri e i miei desideri, son certa che saprai interpretarli e cosa chiedergli’. A questo punto, ho voluto esaudire il suo desiderio e scrivere per lei una lettera a Babbo Natale”. Lei è Adele Iavazzo, affetta da Mcs, e la lettera è dedicata a lei e a tutti gli “invisibili” della “Sensibilità chimico multipla”. Per Adele, ricordiamo, è in atto una campagna di sensibilizzazione, a cui partecipa anche il vescovo di Aversa, Angelo Spinillo, volta a far conoscere questa malattia e a raccogliere fondi.

Lettera di un Mcs a Babbo Natale

“Caro Babbo Natale, ho visto tanti regali sotto il mio albero di Natale immaginario e non saprei, credimi, davvero da dove cominciare. Dentro i “pacchi” lo so, anzi, posso come tu sai, solo immaginarlo, ci sarà, forse un palmare, un computer, un televisore, un forno elettrico, un videogioco? Insomma, tanta roba. Caro Babbo Natale, scusa, sarà l’età, oppure, sarà colpa degli ‘Elfi’ addetti allo smistamento della tua posta, ma i, ti avevo scritto una lettera e chiesto una cosa, una cosa sola.
La mia lettera ti è arrivata o no? Vabbè…non fa niente, te lo dico a mezzo mail…visto che pure tu ti sei organizzato, adeguato alla tecnologia. Babbo Natale, io vulesse na cosa sola, vulesse ascì a chesta stanza, vulesse guarì! Vulesse comme a tutte quante pure je festeggià chistu Natale! Che bello, ‘nzieme a parenti, amici e a chille che me vonne ‘bbene o vere…a sera da Vigilia, rint’à chiesa, ringrazia ‘o Bambenielle e, ovviamente, pure a te! Nun zè po’ fa’?
Vabbuò, allora te chiedo nata cosa, è piccerelle, nun coste niente, anzi nun coste proprio: me putisse purtà ‘nzieme a te, e si pure sule co penziere, a notte e Natale ‘ncoppe a slitta? Vulesse saglì’ in alto, ma tanto in alto, e finalmente me vulesse levà stà mascherine, e a vocca spalancata, vulesse respirà! Pò vulesse che ‘a sera, a Capodanno, pe na vota, pe na vota sola, a gente ‘e core capesse e sapesse che vuol dire essere affetti da Mcs. Con sensibilità, invece ‘e sparà trichitracche e botte a mure, in coscienza, ce putesseme fa sapè, a tutt a gente, che, l’aria diventa “veleno” pè gente comm a me!
Caro Babbo Natale, che dice? Almeno cheste sè pò fà? Allora ti aspetto, e mi raccomando, nun me deludere nata vota. Nat’anne a t’aspettà, e cheste è certe, crireme…tò diche a core ‘mmane…nun cià pozze fa!”.
di Donato Liotto

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico