Italia

Schettino: “Abbandono tardivo della nave? Avevo dati approssimativi”

 NAPOLI. “La dilatazione dei tempi, come è emerso finora nel processo, nel dare l’abbandono nave, credo che sia imputabile all’uso di una terminologia tecnica approssimata e spesso contraddittoria nel riportare i dati necessari”.

Lo ha detto Francesco Schettino, in una pausa del processo sulla Costa Concordia, commentando con l’Ansa le ultime udienze. “Dati – ha continuato – sulla scorta dei quali sono state prese le decisioni più opportune, tutto in relazione al contesto dell’emergenza”.

“Logicamente i dubbi inerenti la comunicazione – ha detto ancora Schettino in relazione a testimonianze delle ultime udienze – sarebbero stati oggetto di ulteriori richieste di informazione che dovevano essere fatte con la dovuta calma. E quindi ecco il perchè del conseguente ritardo nel prendere decisioni che in quel caso erano irrevocabili”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Il teatro come risposta al razzismo: i ragazzi del Liceo 'Massimo' di Roma in scena a Maiano di Sessa Aurunca - https://t.co/B6pk2ZbEXD

A Capri arrivano 100 scacchisti per il torneo internazionale intitolato a Lenin - https://t.co/R2LTiCIYy5

Strage di San Marco in Lamis: arrestato uno dei killer - https://t.co/uKHKewnXeh

Roma, ritrovati dipinti del '600 rubati ai Parioli - https://t.co/9bD7hw89N4

Condividi con un amico