Italia

Caso escort, Tarantini e Began rinviati a giudizio

 BARI. Rinviati a
giudizio i fratelli Gianpaolo e Claudio Tarantini, Sabina Beganovic e altre 4 persone dal gup del tribunale di Bari.

Gli
imputati sono accusati a vario titolo di associazione per delinquere
finalizzata all’induzione, al favoreggiamento e allo sfruttamento della
prostituzione di 26 donne, molte delle quali escort, che tra il 2008 e il 2009
sono state portate da Tarantini nelle residenze dell’allora premier Silvio Berlusconi.

Oggi era prevista
l’audizione di Bernardino Mastromarco,
definito dal giudice “autista e factotum” di Gianpaolo Tarantini.

Ma per
problemi di notifica, l’audizione è saltata. Insieme ai fratelli Tarantini e
alla tedesca Beganovic(in arte Began), la cosiddetta “ape regina” delle feste
dell’ex premier, saranno processati le attrici Letizia Filippi e Francesca
Lana
, e gli amici e soci in affari di Tarantini, Pierluigi Faraone e Massimiliano
Verdoscia
.

A quattro degli otto imputati è contestato il reato associativo:
Gianpaolo Tarantini, Castellaneta, Faraone e Verdoscia. Ventuno sono invece gli
episodi contestati dal settembre 2008 al maggio 2009.

Le ragazze selezionate
personalmente da Tarantini venivano scelte su precise qualità fisiche: giovane
età e corporatura esile in primis.

E se una festa organizzata a Roma veniva
spostata ad Arcore per impegni del Cavaliere, la carovana si spostava subito in
Lombardia sull’aereo presidenziale, come accadde il 26 novembre 2008.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico