Esteri

Cina, bambino con problemi psichici vive incatenato

 In catene, come Andromeda, ma senza nessuna colpa da espiare, sempre che qualcuno non voglia definire “colpa” i suoi disturbi psichici.

E’ la storia di un bambino cinese di 11 anni, Zili, denunciata da un fotografo dell’agenzia Reuters, William Hong, che ha incontrato il bimbo e il nonno che lo accudisce a Zhedjiang. A seguito di una ferita alla testa provocata da una caduta, il piccolo ha iniziato ad avere problemi mentali e da allora vive con una catena attaccata alla caviglia e fissata ad un pilastro o tenuta tra le mani dal nonno, il qualedice che “non ha altra soluzione” per evitare che il nipote possa incorrere in pericoli o crearli ad altri.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico