Santa Maria C. V. - San Tammaro

“La città sotto la città”: 3mila presenze in un solo giorno

 SANTA MARIA CV. “La città sotto la città” si conferma una formula di successo. L’apertura straordinaria dei siti archeologici “sepolti” sotto gli edifici moderni rappresenta un evento al quale i sammaritani e i visitatori provenienti da tutta la regione non si sottraggono.

E così, anche quest’anno, i numeri sono stati da record: sfiorate le tremila presenze solo nella giornata di sabato (tra anfiteatro e altri siti, con l’eccezionale primato della domus di via De Gasperi “invasa” da circa mille visitatori), alle quali vanno aggiunti i dati relativi al weekend precedente e alla domenica (durante i quali non erano previste visite ai siti normalmente chiusi), per un totale di oltre quattromila presenze.

I turisti hanno avuto l’opportunità di vedere – oltre all’anfiteatro campano “by night” con i suggestivi percorsi di luce – il criptoportico, l’officina dei bronzi, la domus di Confuleius, la domus di via De Gasperi, la domus di via degli Orti, la fornace etrusca, l’area di necropoli a Sant’Andrea, nonché i resti dell’anfiteatro repubblicano e naturalmente l’arco di Adriano, il museo dell’antica Capua, il mitreo.

Sono numeri di tutto rispetto che si sommano anche ai 14mila visitatori dell’anfiteatro durante la manifestazione intitolata “Invadeteci!” che, in un solo trimestre (dal 1° giugno al 26 agosto), ha consentito di raddoppiare le visite rispetto allo stesso periodo del 2012 (6.911) e del 2011 (5.923).

“Si tratta – commenta il sindaco Biagio Di Muro – di risultati al di sopra di ogni aspettativa. La collaborazione fattiva tra Comune e sovrintendenza ha rappresentato un’esperienza proficua, che andrà rafforzata e continuata anche per il futuro. C’è infatti l’intenzione condivisa di lavorare insieme per la programmazione a medio e lungo periodo, più che su eventi episodici”.

Pienamente soddisfatto anche il presidente del consiglio comunale Dario Mattucci, che ha ringraziato il gruppo di lavoro che ha collaborato per la riuscita delle iniziative di rilancio del nostro patrimonio storico e archeologico.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico