San Nicola la Strada - San Marco Evangelista

Lo Uttaro, Caputo e Amato: “Partano subito le bonifiche”

 SAN NICOLA LS. “Parta subito la caratterizzazione e la bonifica dell’Area Vasta ‘Lo Uttaro’ nel territorio casertano. I cittadini non possono aspettare oltre, urgono risposte risolutive ed emergenziali”.

Lo hanno dichiaratoNicola Caputo, presidentedella Commissione Trasparenza e Controllo Atti della Regione Campania, eAntonio Amato, presidentedella Commissione per il controllo delle bonifiche, a margine dell’audizione congiunta sulla messa in sicurezza e Bonifica dell’Area Vasta Lo Uttaro.

All’audizione, richiestadal comitatocittadino “San Nicolala Strada– Città partecipata”, hanno preso parte Pio del Gaudio,sindaco di Caserta,Pasquale Delli Paoli,sindaco di San Nicolala Strada, Gabriele Cicala, sindaco di SanMarco Evangelista, i rappresentanti delle associazioni, dell’Arpac e dell’Assessorato regionale all’Ambiente.

“Occorre andare oltre i siti di interesse nazionale – spiegano i presidenti Caputo ed Amato – con l’approvazione di una legge speciale per una bonifica non più procrastinabile e valutare anche di ristorare gli agricoltori le cui terre, senza loro responsabilità, si trovano nelle vicinanze delle terre inquinate”.

“La proposta approvata all’unanimità dal consiglio regionale nel marzo scorso di utilizzare i fondi confiscati alla camorra in Campania, e fatta propria dal dottor Cantone e dal presidente Caldoro, deve essere concretizzata con l’approvazione di una normativa nazionale”, spiegano Caputo e Amato, sottolineando:“Occorre un accurato monitoraggio delle aree compromesse dagli scarichi di percolato prodotti dalla discarica. E’ necessario inoltre, mappare le falde acquifere inquinate e quelle che non lo sono per permettere il controllo e la tutela anche della filiera agroalimentare”.

“Gli strumenti per intervenire da subito ci sono. – continuano – C’è una delibera regionale immediatamente esecutiva, in attesa di un intervento decisivo da parte del governo nazionale. Ci troviamo di fronte ad una vera e propria emergenza, uno stato di calamità che ormai è sotto gli occhi di tutti e di cui l’intero paese è chiamato a prendersi carico”.

“Ci sono state responsabilità decisive della politica – sostengono i due presidenti – ma anche della classe imprenditrice e non solo campana. Ora c’è in atto una sorta di risveglio delle coscienze da questo punto non si può tornare indietro. Si può solo avanzare con fatti concreti come avviare subito la mappatura dei siti inquinati e bonificarli”.

“Questa vera e propria calamità nazionale – concludono Caputo e Amato – sta mettendo in ginocchio tutto il settore agroalimentare regionale. Vanno dunque anche mappati tutti i terreni che non sono inquinati e che possono continuare a fornire al mercato prodotti di eccellenza nella piena sicurezza”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico