San Felice a Cancello - Santa Maria a Vico - Arienzo - Cervino

Giornalino del Forum Giovani, interrogazione di De Lucia e Vigliotti

 S.MARIA A VICO. “Giornalino del Forum Giovani e affidamento della stampa a una ditta di fiducia”. E’ questo l’oggetto della nuova interrogazione consiliare a firma di Carmine De Lucia e Mimmo Vigliotti.

Il documento nasce a seguito di informazioni apprese da un articolo di stampa locale, dopo il quale i due puntano il dito contro l’affidamento dellastampa del giornalino del Forum giovaniad una ditta sembra vicina ad un assessore della giunta Piscitelli. E’ questa la considerazione preliminare dell’atto, dove si menziona la determina dello scorso 5 settembre con cui l’amministrazione comunale di Santa Maria a Vico ha affidato il servizio alla società per un importo di 1500 euro più iva.

Un’azione, quella intrapresa dall’amministrazione con la stampa del giornalino, che sembra avere tutti i più buoni propositi per la valorizzazione delle giovani risorse del territorio ma dietro la quale, per i due consiglieri “c’è una gestione poco corretta e non trasparente”. Nell’analisi che si evidenzia dall’articolo apparso sulle stampe locali e che ha fatto scattare il campanello d’allarme per De Lucia e Vigliotti, la determina a firma del responsabile del sesto settore dell’Ente vicano, riporta che “in data 4 settembre 2013 sono pervenuti pressoil Comunetre preventivi di tipografie per la stampa del giornale senza protocollo”.

La mancanza di protocollo è solo uno dei primi elementi che poco convince. A essa va aggiunto l’eccessivo costo della stampa e la scoperta finale che si evince dai certificati camerali pubblicati dal giornale locale. “L’amministratore e rappresentate legale della società che ha ottenuto l’affidamento della stampa del giornalino risulta, infatti, secondo quanto si legge dal mensile, essere socio, nonché amministratore, di un’altra società di cui è socio anche uno dei componenti della giunta di Santa Maria a Vico”, sostengono i due membri dell’opposizione che chiedono, nell’atto inviato al sindaco, al segretario e all’assessore competente “quali sono i rapporti odierni tra la ditta affidataria e l’assessore a cui si fa riferimento nell’articolo di giornale; se vi sono stati negli ultimi anni affidamenti a ditte che hanno legami con amministratori dell’Ente; se il conflitto di interesse paventabile in questi casi possa in qualche modo ledere gli interessi della comunità di Santa Maria a Vico; e se sono previsti provvedimenti onde evitare che tali incresciosi episodi, qualora rispondessero a verità, si ripetano”.

Questi i quesiti dei due consiglieri che si domandano “come sia possibile questo continuo spreco di denaro pubblico e questa continua speculazione sui giovani?”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico