Esteri

Madacascar, trafficanti di organi bruciati vivi. Uno, forse, italiano

 MADACASCAR. Una vera esecuzione in piena regola: due stranieri sono stati bruciati vivi. Ancora ignota la nazionalità de una delle vittime: l’accusa nei loro confronti sarebbe stata quelli di trafficare organi.

Il Quai d’Orsay ha però confermato in queste ore che la nazionalità di una delle due vittime sia francese: l’altro secondo testimoni potrebbe essere italiano, ma le conferme non sono ancora arrivate. Il linciaggio è avvenuto su una spiaggia.

A scatenare la furia dei residenti dell’isola di Nosy Be, nota destinazione turistica locale, è stato il ritrovamento del cadavere di un bimbo di otto anni, con i genitali e la lingua tagliata. I media locali riferiscono che sarebbero stati trovati organi umani all’interno di un frigorifero nel palazzo dove abitavano i due stranieri. “Hanno scatenato una caccia all’uomo e ucciso i due europei”, ha riferito il vicecomandante della gendarmeria locale, Guy Bobin Randriamaro.

I due stranieri prima di essere bruciati sono stati torturati e impiccati sulla spiaggia di Ambatoloaka, lingua di sabbia bianca. Lo ha raccontato un commissario di polizia, Honoya Tilahizandry. L’aggressione è avvenuta dopo giorni di tensione in cui era stato anche assaltato il commissariato che aveva la responsabilità delle indagini. Nei tumulti c’erano stati un morto e sei feriti.

Le nazionalità dei due stranieri uccisi, identificati solo come Sebastiene Roberto, non sono chiare: secondo i funzionari locali, si tratta di due francesi, ma testimoni hanno riferito che uno forse era italiano. La Farnesina sta al momento verificando la veridicità della notizia.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico