Montemaggiore

Alvignano, la forestale libera cinghiale in gabbia

 ALVIGNANO. Barbaramente intrappolato in una gabbia in ferro piccola ed angusta e utilizzato come “esca” dai bracconieri.

Fino a che il cinghiale femmina di 25 chili è stato liberato dagli uomini del corpo forestale di Pietramelara in un bosco di Alvignano, in località Francolise. L’animale, privo di libertà di movimento, era impaurito e tremolante, con gli occhi lucidi, quasi a voler implorare aiuto.

Con molta probabilità, bracconieri senza scrupoli lo avevano catturato con l’inganno, attirandolo in gabbia con un po’ di cibo, per poi utilizzarlo come ‘richiamo vivo’ per attirare altri esemplari della stessa specie e dar seguito ad una carneficina.

La Forestale, dopo il ritrovamento, ha allertato l’unità veterinaria del distretto di Alife dell’Asl di Caserta che, giunta sul posto, ha attestato l’evidente stato di maltrattamento del cinghiale, rimesso in libertà dopo le cure.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico