Caserta

Azienda sociale Ambito C1, il Ministero risponde all’Udc

 CASERTA. Il gruppo consiliare dell’Udc ha ricevuto il parere del Ministero della Funzione Pubblica, esaustivo e tempestivo, sul delicato tema dell’Agenzia per i servizi sociali del comune di Caserta.

“L’articolato parere – spiega il capogruppo Pierpaolo Puoti – conferma la complessità della materia e delle molteplici intervenute sentenzesul tema elegittima l’iniziativa del gruppo consiliare che mai ha adottato posizioni strumentali, proponendosi con coscienza al servizio della collettività per esigenza di trasparenza e chiarezza. Nel merito, resta chiara la stridente dicotomia che, dal punto di vista contabile, tende ad escludere e ridurre drasticamente ogni forma di esternalizzazione dei servizi propri del comune, ai fini del controllo e della contrazione della spesa pubblica, dall’altra l’esigenza, costituzionalmente garantita, per ciascun ente locale di dotarsi di strumenti ritenuti adeguatiallo svolgimento dei compiti e delle funzioni istituzionalmente assegnati”.

“Nell’intento di conciliare queste esigenze – continua Puoti – diventa inderogabile la certificazione della riduzione della spesa al sotto del valore dell’80% di quella sostenuta nel precedente esercizio, a parità di servizi resi. La riduzione di spesa, fortemente richiamata dal collegio dei revisori nel parere alla proposta di deliberazione, deve certificarsi anchenel casoin cui i servizi proseguissero con l’attuale unione dei comuni nell’Ambito, perché la norma dal punto di vista contabile non pone eccezioni”.

Secondo i centristi diventa, quindi, “indispensabile che il piano di zona sia sottoposto al Consiglio comunale perchéne accertila riduzione della spesa a parità di servizi erogati. Sarà cura dell’intero gruppo consiliare proporre un ordine del giorno specifico al presidente del Consiglio comunale di Caserta”.

SCARICA IL PARERE DEL MINISTERO

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico