Campania

Indesit, corteo di protesta a Napoli con foto della famiglia Merloni

 NAPOLI. Un gruppo di circa 500 lavoratori della Indesit di Caserta ha manifestato in corteo a Napoli, esponendole foto dei componenti della famiglia Merloni, proprietaria del colosso degli elettrodomestici.

La manifestazioneè stata organizzata dai sindacati per contestare il piano di riassetto dell’azienda di Fabriano che, sostengono i rappresentanti dei lavoratori, prevede in Campania il dimezzamento dell’insediamento casertano di Teverola-Carinaro, nell’agro aversano, con circa 480 posti di lavoro a rischio, allo scopo di aprire una linea produttiva in Turchia per la produzione di lavatrici.

I lavoratori hanno urlato slogan (“Vogliono delocalizzare i nostri soldi”) ed esposto striscioni chiedendo lavoro e, tra l’altro,la bonifica ambientale dell’area, situata nella cosiddetta “Terra dei Fuochi”.

”In quel territorio – ha affermato Giovanni Sgambati, segretario generale della Uilm Campania – senza gli insediamenti produttivi anche le ipotesi di bonifiche rischiano di essere una pia illusione. Lo stabilimento Indesit rimane una delle poche grandi realtà industrialo del territorio e va difeso fino in fondo”.

L’assessore al Lavoro della Regione Campania Severino Nappi, nella qualità di coordinatore della Cabina di Regia per la gestione dei processi di crisi e di sviluppo, ha incontrato le organizzazioni sindacali confederali, categoriali e aziendali per la vertenza Indesit.

“Anche a nome del presidente Caldoro – sottolinea una nota – l’assessore Nappi ha confermato pieno sostegno ai lavoratori campani e la chiara determinazione della Regione di lavorare esclusivamente nella direzione di salvaguardare gli impianti produttivi campani e il polo dell’industria degli elettrodomestici sul territorio”.

“Solo a questa condizione sarà possibile, per la Regione Campania – conclude Nappi – offrire il proprio sostegno, anche finanziario, ai progetti di investimento Indesit. La Regione nel corso dell’incontro ha ribadito che in questa vertenza è necessario l’impegno forte e diretto del Governo nazionale, già sollecitato”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Sant'Arpino, "Libera Mente" incontra i cittadini e raccoglie le loro istanze - https://t.co/zfduZefsZ9

Migranti "scaricati" al confine. Salvini: "Vergogna internazionale". La Francia: "Non lo faremo più" - https://t.co/3bVem0mHtU

Pompei, scoperta nuova iscrizione: l'eruzione a ottobre e non ad agosto - https://t.co/em7JOKvebA

Tap, il ministro Lezzi: "Troppo costoso fermarlo". Comitato: "Eletti M5S si dimettano" - https://t.co/cqu0GBJOyv

Condividi con un amico