Aversa

“100 scarpe rosse contro la violenza”: evento di AversaDonna

AVERSA. “AversaDonna”, sabato 12 ottobre, con inizio alle ore 17, alla Facoltà di Ingegneria di Aversa, inaugura il ventesimo anno sociale con la mostra/convegno “100 scarpe rosse contro la violenza”.

Il sodalizio tutto al
femminile, che in quattro lustri di attività nella città normanna, è riuscito,
nel 2008, persino a donare un museo alla comunità aversana, “La Ruota degli
Espositi” che ad oggi ha superato i quindicimila visitatori, inizia le attività
annuali con un evento dedicato ad un tema purtroppo sempre attuale: la violenza
sulle donne.

“Apriamo quest’anno a poche
ore dall’approvazione definitiva della legge sul femminicidio – dichiara Nunzia Orabona, presidente e fondatrice
di AversaDonna – con un tema forte, che ovviamente vede la donna, non solo
protagonista suo malgrado, ma vera e propria vittima. Per questo è nostro
dovere sensibilizzare l’opinione pubblica sempre di più. Parlare di violenza
sulle donne, di metodi per circoscriverla, arginarla e denunciarla, non basta
mai. L’idea delle scarpe rosse, le zapatos rojos, parte dall’artista messicana Elina Chauvet, che per prima ha avuto
l’idea di sensibilizzare l’opinione pubblica in questo modo. Del resto proprio
in Messico, dove in alcune regioni sono famose le vergognose scomparse misteriose di centinaia di donne
poi ritrovate cadaveri, nasce il termine femminicidio, che a non tutti piace,
ma che serve ad indicare con crudezza l’estrema violenza sulla donna”.

L’evento
si tiene in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura della Città di Aversa
e gli istituti scolastici cittadini ‘Conti’, ‘Fermi’, ‘Mattei’ e ‘Jommelli’, e le
associazioni femminili del territorio, “Fidapa” di Aversa, “Maria Cristina di
Savoia” e le vincenziane di San Giuseppe Operaio. Particolarmente importante il
contributo dell’Assessorato e della
Commissione alle Pari Opportunità del Comune di Orta di Atella, grazie al quale sarà allestita la mostra “Amare
Amaro”, che affronta lo scottante tema della violenza domestica, quella celata
da un finto amore, ovvero da un amore malato.

Orabona ringrazia, inoltre, i
tanti commercianti aversani che hanno aderito come punti di raccolta delle
scarpe rosse, mostrando una grandissima sensibilità all’iniziativa, oltre ogni
più rosea aspettativa, e soprattutto alla “Fondazione Movimento Bambino Onlus”,
presieduta dalla socia di AversaDonna Maria
Rita Parsi
. E sarà proprio la nota psicoterapeuta e scrittrice, ospite dei
maggiori talk show televisivi, a chiudere il convegno che vedrà la
partecipazione del colonnello Giancarlo
Scafuri
, comandante provinciale
dei carabinieri di Caserta, e di Maria Donadio, sociologa esperta in relazioni familiari.

Anche la Diocesi di
Aversa Pastorale Universitaria ha contribuito all’iniziativa, e sarà proprio il
vescovo Angelo Spinillo ad aprire
con il suo saluto il convegno, seguito dal sindaco della città normanna Giuseppe Sagliocco, dal vicesindaco e assessore
alla Cultura, Nicla Virgilio, dall’assessore alle Pari
Opportunità di Orta di Atella, Eleonora
Misso
, e dal professor Michele Di
Natale
, preside della Facoltà di Ingegneria.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico