Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

Strade periferiche ridotte a discariche a cielo aperto

 MARCIANISE. Ancora degrado nelle zone periferiche della città di Marcianise, dopo il grido d’allarme lanciato dai residenti di via Fuccia dove lo slargo attualmente risulta ripulito in parte dai rifiuti ma ancora invaso dalle erbacce alte …

… che ostruiscono anche il normale passaggio e restringono l’ingresso e l’uscita di via Rossetti anche gli abitanti di tre arterie laterali in località Groia chiedono l’intervento immediato del sindaco e degli organi preposti per la bonifica della zona. Nello specifico versano in condizioni davvero pessime via Vittadini e via Valentino Fioravanti, le due strade si presentano infatti come due vere e proprie discariche a cielo aperto come testimoniano anche le foto.

Via Vittadini presenta addirittura un cumulo molto alto di rifiuti ammassati coperto da un telo blu e recintato da nastro di emergenza proprio come una discarica autorizzata tra le case. Rifiuti di ogni genere abbandonati lungo le due strade che non sono nemmeno asfaltate e per questo motivo forse “autorizzano” gli incivili ad un simile comportamento davvero indecente visto che tale situazione facilita il proliferare di insetti, animali e soprattutto odori nauseabondi che arrivano fino alle case distanti pochi metri da questo cumulo di rifiuti che ormai cresce sempre di più.

Frigoriferi, televisori, plastica, vetro, copertoni di auto, immondizia indifferenziata e di ogni tipo giacciono su un lato della strada ormai invasa e davvero impresentabile, un brutto biglietto da visita soprattutto per chi attraversa quella zona molto trafficata da chi va nell’agro aversano o raggiunge l’autostrada oppure semplicemente si appresta ad entrare a Marcianise.

Situazione simile in via Catania dove però basterebbe solo l’intervento di addetti alla pulizia per riportare tutto alla normalità, una richiesta quindi da gestione ordinaria e che molte volte proprio per la mancanza di tale cura diventa straordinaria.

A pochi metri un’altra situazione da gestire in maniera urgente è l’ingresso secondario del cimitero, la strada non asfaltata anch’essa è luogo di deposito abusivo di materiale di ogni genere. Una zona quindi davvero martoriata e che ha bisogno di essere curata quanto prima, eppure alle spalle nei pressi del cimitero vi è una apposita zona ecologica dove i cittadini posso smaltire e differenziare vari materiali di scarto. L’inciviltà va combattuta e soprattutto educata, e per questo motivo non si può essere etichettati come “terra dei fuochi” o di rifiuti e scandalizzarsi per questo se in prima persona non si dà il buon esempio.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico