Italia

L’Unione Europea dà ragione all’Italia e annulla 50 concorsi

 ROMA. Il Tribunale
dell’Unione
europea da ragione all’Italia è annulla alcuni concorsi del 2008 e 2009 per
l’assegnazione di 50 posti di lavoro nelle istituzioni europee.

L’Unione
europea, infatti, aveva pubblicato i
bandi integralmente soltanto in tre lingue,inglese, francese e tedesco. Da qui
il ricorso dell’Italia.

“In applicazione del principio di tutela del legittimo
affidamento ed al fine di preservare il legittimo affidamento dei candidati
prescelti, questa sentenza non rimette in discussione i suddetti concorsi o
elenchi di riserva”, si legge in una nota ufficiale.

Riconosciuta, dunque, la
discriminazione all’Italia, ma non sono stati invalidati i risultati dei
concorsi. “La Corte ha concluso che al fine di preservare il legittimo
affidamento dei candidati prescelti con i concorsi di cui trattasi, non era
opportuno rimettere in discussione i risultati dei suddetti concorsi” e,
ancora “occorre non mettere in discussione i suddetti elenchi di riserva”,
si legge nel testo del dispositivo.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico