Italia

Caso Berlusconi, al via la Giunta del Senato. Pdl chiede rinvio alla Ue

 ROMA. “Non
sappiamo cosa proporrà Augello, se propone un rinvio noi non siamo disponibili
a un rinvio che non abbia un senso. La legge Severino parla chiaro, è evidente
che c’è una condanna di terzo grado ed è siamo tutti uguali di fronte alla
legge”.

Così la senatrice Pd Stefania
Pezzopane
dichiara arrivando a Sant’Ivo alla Sapienza dove si è riunita la
Giunta per le elezioni del Senato che dovrà decidere il cammino da seguire nei
confronti del leader del Pdl Silvio
Berlusconi
, dopo la condanna definitiva per frode fiscale.

La Giunta delle immunità del Senato è una
commissione costituita da senatori di tutti gli schieramenti politici, che ha
il compito di valutare se un componente del Senato è ammesso nell’assemblea o
invece deve essere sospeso. Nello specifico deve rispondere alla richiesta di
far decadere da senatore Berlusconi in base alla legge Severino-Monti.

“Ho
depositato la relazione e la leggerò appena entrato in Giunta, si tratta di
un’ottantina di cartelle”, ha detto il senatore Pdl Andrea Augello prima di entrare in Giunta.

E, a riunione avviata,
il senatore Augello pone tre questioni pregiudiziali di tipo interpretativo
alla Consulta e alla Corte di giustizia della Ue di Lussemburgo.

Per Augello,
infatti, ci sono tutti i presupposti perchè la Giunta chieda un parere alla
Corte di Lussemburgo e verificare se la legge Severino viola i principi
comunitari.

“Il relatore Augello si rifiuta di presentare le conclusioni e
avanza solo questioni pregiudiziali. Vuole solo perdere tempo”, si legge sul
profilo Twitter dei grillini del Senato. Un post condiviso anche da Beppe Grillo.

I legali del leader
del Pdl, Silvio Berlusconi, hanno già depositato presso la Giunta per le
elezioni del Senato il ricorso a Strasburgo – un documento di 33 pagine –
contro la sentenza di condanna a 4 anni per frode fiscale, resa definitiva
dalla Cassazione.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico