Campania

Napoli, raid nella chiesa della stazione: forse messaggio per Don Merola

 NAPOLI. Un vetro blindato, colpito con una violenza inaudita: ha tenuto ma ora è completamente crepato. Forse un avvertimento per don Luigi Merola, prete anticamorra un tempo attivo a Forcella e ora fondatore della ‘A voce d’e Creature e cappellano in un punto nevralgico: la stazione centrale di Napoli.

Non è la prima volta che don Luigi finisce nel mirino di malintenzionati, dopo i trascorsi nel cuore di Napoli a denunciare i clan che avvelenavano il suo quartiere. Lui spera si tratti solo del gesto di un balordo, ma i sospetti sulla dinamica portano a pensare diversamente, così come il valore simbolico del luogo che si voleva violare, il confessionale.

VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico