Aversa

Violenza durante partita allo stadio: 7 Daspo per tifosi Salernitana

 AVERSA. Il questore di Caserta ha comminato sette Daspo ad altrettanti tifosi della Salernitana Calcio resisi responsabili, nel gennaio scorso, di atti di violenza e teppismo in occasione dell’incontro di calcio valevole per il campionato di Lega Pro Aversa Normanna – Salernitana allo lo stadio comunale di Aversa.

Nel corso dei servizi di prefiltraggio e filtraggio furono fermati ed accompagnati in questi uffici due tifosi della Salernitana trovati in possesso di tre artifizi fumogeni, debitamente sequestrati.

Dopo il goal di vantaggio il giocatore della Salernitana Montervino, in modo alquanto tracotante ed inopportuno, si rese protagonista di un episodio di provocazione verso il tifo locale, scintilla per un irrimediabile conflitto tra le due tifoserie che iniziarono a fronteggiarsi aspramente con una sassaiola e lancio di oggetti, tentando invano il contatto fisico scongiurato grazie all’energico intervento della polizia con lanci di lacrimogeni per disperdere le frange più ostinate degli ultras.

Per tale comportamento anche Montervino fu colpito dal Daspo del Questore. Nel corso dei tafferugli fu predisposto un modulo operativo finalizzato al contenimento e respingimento della tifoseria salernitana che in massa tentò di raggiungere il settore locale. In quella circostanza rimasero contusi un ufficiale e tre militari dei carabinieri.

A coronamento di indagini della Uigos del commissariato di polizia di Aversa, coordinata dall’ispettore superiore Pietro Vinciguerra, collaborato dall’assistente capo Rosa Sabino, che aveva già identificato e deferito nell’immediatezza dei fatti tre tifosi poi colpiti da Daspo del Questore di Caserta, si è pervenuti alla ricostruzione completa dei fatti che provocarono gravi turbative dell’ordine e sicurezza pubblica.

I sette tifosi di Salerno annoverano già tutti pregiudizi penali e non potranno assistere per 5 anni agli incontri di calcio della Salernitana con obbligo di firma prima, durante e dopo gli stessi.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico