Aversa

Palestre, incarichi, movida: la commissione politiche sociali in campo

 AVERSA. La commissione politiche sociali e sportive, presieduta da Paolo Galluccio e formata da Michele Galluccio e Augusto Bisceglia, riunitasi il 3 settembre, ha sollecitato nuovamente, e con urgenza, la dirigente …

…affinché vengano affissi appositi manifesti da cui si evinca in maniera precisa ed incontrovertibile la data di scadenza della presentazione delle domande per l’assegnazione delle palestre. “Qualora ciò non dovesse avvenire, l’eventuale ulteriore ritardo sarà ad essa imputabile”, affermano dalla commissione.

Durante la seduta (assenti i consiglieri Perillo e Morra) la commissione ha anche presto atto che ormai, da tempo, è stato predisposto apposito modello di ‘short-list’ per l’affidamento degli incarichi agli avvocati ma ad oggi la commissione statuto ancora deve porre in essere gli atti opportuni e consequenziali. Pertanto, la commissione politiche sociali ha sollecitato i colleghi dell’altro organo consiliare ad accelerare l’iter.

Altro punto trattato dalla commissione è il ruolo dell’ambito sociale C6 e il piano sociale di zona: “Nell’aver già approfondito la questione a far data dall’11 aprile scorso e nelle successive sedute e nell’aver carpito ulteriori informazioni dall’assessore Romilda Balivo sull’attuale situazione, nel prendere atto che i disagi e le difficoltà del Comune di Aversa persistono e che ancora una volta si è dovuto ricorrere ad una delibera per poter ovviare i servizi fino a dicembre. La commissione, vista ormai la perenne situazione di stallo dell’ambito valuteranno la possibilità di farsi promotori di apposita iniziativa politica di un consiglio comunale onde poter concretamente dare una svolta con la proposta di un nuovo ambito di cui Aversa capofila”, si legge nel documento a firma dei componenti della commissione.

Quarto punto la movida, per la quale si è chiesto all’amministrazione di affrontare la questione non attraverso provvedimenti singoli, talvolta illegittimi, ma volti solo ed unicamente a tamponare e mai a programmare. La commissione di dover coinvolgere, attraverso un’azione congiunta, anche la commissione Commercio, l’associazione del Seggio e rappresentanti della categorie. “Tale fenomeno sociale, inoltre, andrà visto e valutato in tutta la città e, più precisamente, nelle zone di via Michelangelo, Centro Bernini, palazzetto dello sport”, affermano dalla commissione.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico