Aversa

“Il matrimonio segreto”, l’opera di Cimarosa in scena a Varcaturo

 AVERSA. Manca da più di vent’anni. L’opera che più rappresenta il nostro più illustre concittadino non viene rappresentata ad Aversa dagli inizi degli anni ’90.

L’opera alla regia della quale si sono cimentati grandi maestri e appassionati “outsider” (leggasi, per limitarci agli ultimi anni, il comico Paolo Rossi e il cantante di musica pop Morgan), non conosce Aversa, né Aversa la cerca. Fortunatamente, però, gli appassionati di Domenico Cimarosa non saranno ancora costretti a recarsi nei teatri dell’Italia centro-settentrionale per godere della bellissima opera buffa che fece talmente divertire l’Imperatore d’Austria alla prima rappresentazione in quel di Vienna (1792) da richiedere che l’intera opera fosse replicata la sera stessa.

Ci ha pensato un inguaribile estimatore di Cimarosa, il maestro Rosario Nappa del Conservatorio di Musica “San Pietro a Majella” di Napoli a riportare il Matrimonio Segreto dalle nostre parti. Ci hanno pensato i giovani a voler far rivivere un’opera rappresentata ancora in tutto il mondo. Già, perché il maestro Nappa, con risorse limitatissime e facendo leva sul proprio entusiasmo che ha contagiato inevitabilmente non solo i suoi allievi del Conservatorio, ma lo stesso direttore dello storico Istituto, è riuscito nell’impresa (già…mettere in scena il Matrimonio Segreto è davvero diventata un’impresa…) di organizzare, sovraintendere e dirigere i lavori che hanno portato all’annuncio: sabato 28 e domenica 29 settembre, presso il teatro della Parrocchia di San Luca in Varcaturo (uscita Varcaturo dell’asse mediano) andrà in scena il Matrimonio Segreto.

Gli artisti? Allievi del Conservatorio di Musica di Napoli che, come dicevamo, hanno con entusiasmo sposato il progetto didattico del maestro Nappa.Meritano di essere elencati: Paola Fiudi, nel ruolo di Carolina, Emanuela De Rosa e Paola Imprudente, nel ruolo di Elisetta, Elsa Tescione e Xana Vazquez de Prada, nel ruolo di Fidalma, Stefano Sorrentino, nel ruolo di Paolino, Domenico Simonelli, nel ruolo del Conte Robinson, Luigi Narducci, nel ruolo di Geronimo.

Pur ancora impegnati negli studi, sono protagonisti nelle varie celebrazioni ed eventi organizzati dal Conservatorio, riscuotendo un successo sorprendente, data la giovane età, che ne rivela una professionalità da artisti affermati. Un cenno particolare merita il pianista: Angelo Gazzaneo, giovane pianista calabrese, vincitore della borsa di studio come Pianista Accompagnatore nel 2006, nel 2010 ha conseguito il diploma di II Livello in Pratica dell’accompagnamento e collaborazione al pianoforte, con il massimo dei voti e la lode.

Attualmente è Pianista Accompagnatore della classe di Canto del Conservatorio S. Pietro a Majella di Napoli. La voce narrante è di Tina de Pico, la regia e la direzione musicale affidate al maestro Rosario Nappa. Un doveroso plauso va al parroco di San Luca, Carlo Villano, giovane sacerdote lungimirante e sempre pronto a favorire la realizzazione di eventi culturali di grande portata.

Un’occasione da non perdere per tutti gli aversani che da tempo aspettano di assistere all’opera che ha reso immortale il nome di Domenico Cimarosa, Aversano d’Europa.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico