Italia

Mafia, Cassazione: estorsione è indizio partecipazione a clan

 ROMA. “In tema di applicazione di misure coercitive in relazione al delitto” di associazione di stampo mafioso, “la partecipazione dell’indagato a episodi di estorsione compiuti nell’ambito di un contesto mafioso …

… costituisce di per sé solo elemento gravemente indiziante di partecipazione al gruppo criminale, senza che siano necessarie ulteriori rappresentazioni di frequentazioni con altri associati”.

E’ quanto ribadisce la Cassazione, seconda sezione penale, in una sentenza depositata oggi con cui ha accolto il ricorso presentato dalla Procura diNapolicontro un’ordinanza del Tribunale diNapoliche disposto la scarcerazione di un indagato precedentemente disposta dal Gip; e ha rinviato il caso al Tribunale diNapoliper un nuovo giudizio.

La Procura, ricorrendo alla Suprema Corte, ha mosso rilievi per la carenza e contraddittorietà della motivazione addotta dal Tribunale nell’ordinanza di scarcerazione, che – riassume la sentenza – “non tiene conto di quanto riferito dai collaboratori di giustizia, di quanto emerge dalle intercettazioni e di quanto e di quanto deciso sull’esistenza dell’associazione” di tipo mafioso. Rilievi che la Cassazione ha considerato fondati.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico