Italia

Il Senato approva il Decreto Fare. Ora ritorna alla Camera

 ROMA. Con 190 sì, 67 no e un astenuto, e dopo un dibattito acceso ed essere stato battuto due volte, il governo riesce a portare a casa il voto favorevole sul Dl del fare.

Ora il testo tornerà alla Camera per il via libera definitivo. Il dibattito a Palazzo Madama si era scatenato sulle modalità di accesso ai concorsi in magistratura.

Dopo un’articolata discussione dell’assemblea, con l’intervento trasversale dei senatori componenti della commissione giustizia, l’esecutivo ha proposto – senza successo – di riformulare la norma (già modificata in Commissione).

Nello specifico: la proposta di modifica presentata dalla Lega e dal presidente della commissione giustizia Francesco Nitto Palma, prevedeva la soppressione della norma dell’articolo 73 del decreto che permette a chi ha fatto uno stage presso gli uffici giudiziari di accedere al concorso in magistratura.

La proposta di modifica, su cui l’esecutivo ha espresso parere contrario, è stata approvata con 208 sì, 38 no e 6 astenuti. In precedenza il governo era andato sotto sulla nuova regolamentazione degli stage per le professioni legali, con un emendamento della Lega sul quale il governo si era detto contrario.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico