Capua - Grazzanise - Vitulazio - Camigliano - Pastorano - S.Maria la Fossa

Grazzanise, tombe profanate nel cimitero

 GRAZZANISE. La notte fra venerdì 16 e sabato 17 agosto è destinata al più lugubre dei ricordi per l’intera popolazione grazzanisana.

Ignoti balordi, forse prezzolati, hanno fatto scempio di quattro tombe. Asportata la lapide del loculo ove riposa Italo Petrella, maresciallo dei carabinieri, scoperchiata la bara, addirittura divelto l’involucro di zinco, i resti del defunto lasciati alla luce del sole. Spezzata la lastra marmorea di una donna morta nel 2000. Ridotto in frantumi il granito del sepolcro di uno studente di architettura. Violata perfino la sepoltura di un autista folgorato sul posto di lavoro dai fili dell’alta tensione nel 1998.

Ad accorgersi dell’orrendo plurisacrilegio il custode del vecchio camposanto, Giovanni Vitolo, che ha presto avvertito carabinieri e vigili urbani. Gli uomini del maresciallo De Santis, comandante della locale stazione, che rientra nel comprensorio affidato alla compagnia di Santa Maria Capua Vetere, agli ordini del capitano Vincenzo Carpino, e il tenente della polizia municipale, Gaudiano, insieme con l’operatore Caianiello, subito accorsi, hanno svolto i rilievi del caso, ma pare che sia stato difficile acquisire impronte digitali.

Diffusasi la tremenda notizia, una folla sgomenta s’è precipitata al cimitero, anche per verificare la scampata profanazione dei tumuli di altri cari estinti. In paese non si parla d’altro.

di Raffaele Raimondo

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico