Italia

Processo Mediaset, udienza il 30 luglio: Pdl in rivolta

Silvio BerlusconiMILANO. “Ancora una volta Silvio
Berlusconi
è in grado di compiere imprese grandiose ed eccezionali”. Così
commenta ironico Giancarlo Galan la
decisione della Suprema Corte di fissare per il prossimo 30 luglio l’udienza
del ricorso presentato dai legali del Cavaliere.

Martedì mattina, infatti, è
stato presentato in Cassazione il ricorso della difesa di Berlusconi contro la
condanna a quattro anni di reclusione per frode fiscale e a cinque di
interdizione dai pubblici uffici nell’ambito del processo Mediaset.
Immediatamente è stata fissata la data dell’udienza. Da qui la rivolta dei
legali dell’ex premier e degli esponenti di spicco del Pdl che vedono nella
rapida decisione della Suprema Corte l’ennesimo “attacco” all’ex premier.

A
ribellarsi anche Franco Coppi, entrato nel collegio difensivo
del Cavaliere, che commenta: “Sono esterrefatto, non si è mai vista una cosa
del genere, che determina un aggravio delle possibilità di difesa – commenta
l’avvocato Coppi in vista del giudizio in Cassazione sul processo Mediaset –
perchè contavamo di avere più tempo per svolgere i nostri approfondimenti, e
ora noi difensori dovremo fare in venti giorni quello che contavamo di fare con
maggior respiro”.

Fa eco all’avvocato Coppi Daniela Santanchè: “Le
parole di Coppi che per chi ancora avesse dei dubbi, sono la certezza che la
giustizia non c’è per il presidente Berlusconi – dichiara la deputata del Pdl –
Che cosa facciamo noi come movimento politico? Aspettiamo ancora l’unica
manifestazione che forse riusciremo a fare, e cioè quella di accompagnarlo in
carcere? Non ci sto. Basta divisioni. Serve passare all’azione”.

E il ministro
delle Infrastrutture e dei Trasporti, Maurizio
Lupi
, sottolinea come “milioni di italiani aspettino giustizia per anni, ma
per Silvio Berlusconi la Corte di Cassazione viene convocata in un tempo
record”.

Insieme a Berlusconi sono imputati il produttore cinematografico
egiziano Frank Agrama e i due ex
manager Mediaset Gabriella Galetto e
Daniele Lorenzano. L’Agenzia delle
Entrate si è costituita parte civile.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico