Italia

Imu: sconti per il 2013, poi tassa unica con la Tares

 ROMA. Una tassa municipale unica, che andrebbe ad inglobare l’Imu, l’addizionale Irpef e la Tares, andando a regime nel 2014.

Questa l’idea emersa ieri dal tavolo tecnico tra il ministro dell’Economia, Maurizio Saccomanni, e i partiti della maggioranza al fine di trovare soluzioni condivise sulle questioni Imu e Iva. Per la prima sembra si vada sempre di più verso una rimodulazione e non un’abolizione, come quella chiesta dal Pdl e pilastro della campagna elettorale di Berlusconi. Anche perché, almeno per il 2013, un’abolizione secca dell’imposta necessiterebbe di 4 miliardi di copertura. Per reperirli significherebbe adottare tagli di non poco conto o istituire nuove tasse.

La soluzione, dunque, sarebbe quella di accontentare un po’ tutti all’interno della maggioranza, magari attraverso una tassa che, almeno per il 2013,punti al valore reale dell’immobile e lasciando la tassa sugli immobili di prestigio così da ridurre il problema della copertura. A questi criteri generali potrebbero aggiungersi sconti ed esenzioni legati a superficie e reddito, proposti dal Partito Democratico. Poi, nel 2014, via alla tassa unica. Entro il 30 agosto si potrebbe arrivare alla soluzione definitiva, anche se non sarà facile far desistere il Pdl.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico