Italia

Datagate, Napolitano e Bonino: “Chiesti chiarimenti”

 ROMA. La vicenda “Datagate”
che sta creando non pochi problemi nei rapporti tra i vari Stati, non poteva
non interessare anche l’Italia. A tal proposito, Emma Bonino, ministro degli Esteri, ha chiesto chiarimenti all’America.

“L’Italia ha richiesto chiarimenti sulla molto spinosa vicenda del
Datagate e gli Usa hanno provveduto ad assicurare che ogni chiarimento verrà
dato sia all’Ue che agli Stati membri. L’Italia ha fiducia che verranno fornite
tutte le informazioni e assicurazioni necessarie”, ha detto la Bonino.

Anche
il capo dello Stato, Giorgio Napolitano,
ina una conferenza stampa a Zagabria ha chiesto chiarimenti. “Quella dei
problemi nel rapporto tra le istituzioni Ue e l’amministrazione Usa sul
cosiddetto Datagate è una questione spinosa che dovrà trovare delle risposte
soddisfacenti”, ha detto il presidente della Repubblica e a chi gli chiedeva se
avesse notizia delle indiscrezioni di stampa su presunte operazioni di
spionaggio nei confronti delle ambasciate italiane a Washington e New York, il
presidente ha replicato: “Non ho notizie di questo tipo, potete chiedere al
ministro degli Esteri se ha informazioni”.

Intanto, dopo le rivelazioni delGuardiane
delloSpiegelsulle azioni di spionaggio degliStati Unitinelle
ambasciate europee, l’Unione europeacerca chiarimenti.Soprattutto
da Berlino.

“Se è vero che gli americani spiano gli amici è inaccettabile. Bisogna
ricostruire la fiducia con gli Stati Uniti”, ha detto il portavoce del governo,
Steffen Seibert, aggiungendo che
presto la cancelliera Angela Merkel
parlerà delle notizie di stampa sulla sorveglianza Usa con il presidente
americano Barack Obama.

“La Germania
vuole l’accordo commerciale con gli Stati Uniti, ma questo richiede una fiducia
reciproca”, ha dichiarato Seibert.

La Commissione Ue ha dato mandato al suo
alto rappresentante della politica estera, Catherine
Ashton
, di sollevare la questione Datagate con le autorità Usa a Bruxelles
e a Washington, e si aspetta che gli Usa facciano chiarezza, e che siano “trasparenti
come la Ue si aspetta dagli alleati”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico