Teverola

Gd: “L’Indesit non si tocca”

Giovani Democratici TEVEROLA. Striscioni e slogan, cartelli ed uomini ancora in divisa da lavoro: sono i circa mille operai, eroi del proprio lavoro, che hanno manifestato scioperando per dare evidenza ai licenziamenti Indesit.

“Il lavoro all’Indesit non si tocca” urlano viaggiando in marcia dall’area industriale in cui sorge l’insediamento con l’obiettivo di un blocco ferroviario. Essi sono il segno di un Mezzogiorno “dimenticato”, di una storia devastata dal dilettantismo irriverente di chi ha raggiunto i vertici del potere, sono l’idea di un segno di libertà e coscienza per chi degnamente fa del lavoro una meritevole ragione per cui vivere. A tanto sconcerto v’è la rabbia di quanti “spremuti come il limone non si sono mai sottratti”.

I Giovani Democratici partecipano nella maniera più solidale per quegli operai, coraggiosi e stanchi. A questi uomini, che insieme stanno lottando, va il merito fondamentale di aver reso manifesta, in tutta quanta l’Italia, la precarietà in cui versa il Sud. Le aziende non reggono, i licenziamenti aumentano, ma le famiglie diminuiscono e sempre più sparute sono quelle numerose.

Il paese è stanco e non vive serenamente: questo il dato più tragico. Le nostre amministrazioni non consentano di trasferire prodotti all’estero dopo aver utilizzato le nostre sovvenzioni, dopo che, per anni l’Italia ha vantato di essere tra le migliori nazione produttrici di elettrodomestici. L’Indesit appartiene al patrimonio comune della nostra tradizione ed è il frutto del sudore di milioni di operai italiani.

Giovani Democratici Teverola

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico