Orta di Atella

Il centrodestra: “Avanti con il Puc”

 ORTA DI ATELLA. A margine dell’ultimo Consiglio comunale di venerdì 31 maggio, che ha segnato una tappa importante nel percorso politico-progettuale e amministrativo del nostro paese, …

… è utile fare delle valutazioni sull’operato della maggioranza di governo cittadino. In una fase di grave crisi economico-finanziaria e di enorme disagio per le famiglie e per i giovani per le evidenti difficoltà occupazionali, la maggioranza amministrativa con responsabile lungimiranza, spirito di servizio e lucida progettualità organica, approvando il Conto consuntivo per l’esercizio finanziario 2012 e adottando il Puc, strumento urbanistico che darà risposte concrete alle giuste e legittime aspettative dei cittadini ortesi, finalizzate a migliorare e potenziare i servizi alla persona e alla sostenibilità urbanistico-ambientale del territorio.
Seppure in una realtà socio-economica culturale e civile complessa ed articolata, la politica che opera pone la sua impronta, si afferma nella sua concezione più nobile, rifugge dalle banalizzazioni ed astrazioni deleterie fini a se stesse, legittima e gratifica gli sforzi e l’operato di una maggioranza che ha fortemente e saldamente creduto nella propria azione di governo responsabile del paese.
La lettura obiettiva delle vicende politiche locali, porta all’ineludibile verità e mette in risalto due aspetti fondamentali:
1) La determinata, illuminata e responsabile azione di governo della maggioranza amministrativa del paese, pur navigando nelle acque agitate e turbolenti di una politica oppositrice, apocalittica e priva di proposte operative e mai disponibile al confronto e al dialogo ispirato al bene comune;
2) L’amore e l’impegno per il rilancio ed il benessere del territorio di appartenenza nell’azione politica della maggioranza che privilegia con il proprio agire responsabile, la casa, il lavoro, la cultura, la famiglia, l’impegno civile, la sanità, l’ambiente, la lotta all’emarginazione, il rispetto per le istituzioni.
Su questi due fronti distinti si valutano, a nostro avviso, la serietà, l’affidabilità e l’attendibilità di chi ha assunto pubblici impegni nell’esercizio coerente e responsabile di amministratore al servizio del paese, e di rappresentanti delle istituzioni politiche cittadine.
D’altronde, anche la malaugurata ipotesi di un commissariamento prefettizio riteniamo sia solo dannosa per l’intera collettività, vista l’esperienza negativa già vissuta in termini finanziari e progettuali dai cittadini ortesi.
Siamo convinti che l’azione di governo deve proseguire nel suo operato costruttivo, anche se ci saranno compiti sempre più impegnativi da svolgere per portare a termine i provvedimenti, primo fra tutti il Puc che l’intera popolazione aspetta da tempo per il rilancio propulsivo dell’economia dell’intero tessuto sociale ortese.
E’ in tale orizzonte che intendiamo continuare ad operare affinchè tutti i cittadini, soprattutto gli ultimi, siano messi in condizione di essere soggetti di libertà, di giustizia e di partecipazione attiva nella comunità locale.
Per addivenire a questi risultati occorre una politica di alto profilo; è necessaria una progettualità che investa gli ambiti e i livelli dell’intero territorio: l’occupazione e la produzione, la famiglia, i gruppi sociali, le istituzioni.
Da soli, si tratti di individui singoli o di gruppi, nessuno potrà realizzare in senso pieno il benessere della collettività, né tantomeno progettare e costruire un futuro utile allo sviluppo del paese.

Popolo della Libertà

Fratelli d’Italia

Nuovo Psi

Alleanza di Centro

Orta libera Orta

Circolo di Centro Destra

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico