Italia

Capaldo: “Emanuela Orlandi è morta, ma vicini alla soluzione”

 ROMA. A pochi
giorni dai trent’anni dalla scomparsa, avvenuta il 22 giugno del 1982, il caso
di Emanuela Orlandi sarebbe ad una
svolta.


Normal0
14
falsefalsefalse
X-NONEX-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
text-align:justify;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

Ad annunciarlo è lo stesso procuratore aggiunto di Roma, Giancarlo Capaldo. “Emanuela Orlandi è
morta, ma il caso della sua scomparsa potrebbe risolversi. Finora ci sono state
molte false piste e molti depistaggi”, ha dichiarato il procuratore ad un incontro
del Festival Trame a Lamezia Terme.

“La verità sulla fine di Emanuela –
ha precisato Capaldo – non si è trovata per molto tempo perché troppi temevano
che dietro questa storia si nascondesse una verità scomoda”. In trent’anni in
cui si sono susseguite varie piste, tra i lupi grigi di Alì Agca, la banda della magliana e, in ordine di tempo, le ultime dichiarazioni
di Marco Accetti, il fotografo
d’arte 57 enne che si è presentato spontaneamente a fine marzo dichiarando di
essere stato uno dei telefonisti della vicenda Orlandi e consegnando un flauto
che non si può escludere sia quello appartenuto alla quindicenne, la Procura
non si era mai sbilanciata sulla morte della 15enne.

Il supertestimone, che è
indagato per sequestro di persona aggravato dalla morte dell’ostaggio, è stato
interrogato 9 volte dai magistrati. Il sequestro di Emanuela Orlandi, secondo Accetti
avrebbe avuto l’obiettivo di indurre Alì Agca a ritrattare le sue accuse di
complicità ai bulgari nell’attentato al Papa del maggio 1981, in cambio di una
sua futura liberazione.

L’indagato, che più volte ha lanciato appelli perché i
suoi complici dell’epoca escano allo scoperto, ha precisato che l’operazione
nacque come “rapimento simulato” e che tutto si complicò con l’esposizione
mediatica dopo l’annuncio di Papa Wojtila.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico