Esteri

Pakistan, attacco dei talebani: uccisi nove turisti

 ISLAMABAD. Nove alpinisti stranieri e una guida locale sono rimasti uccisi, la notte scorsa, in un attentato nel Pakistan settentrionale, compiuto dai talebani del Ttp (Tehrek-e-Taliban Pakistan). Si tratta di cinque ucraini, tre cinesi ed un russo.

La strage si è verificata nella zona di Fairy Meadows della regione del Gilgit-Baltistan, punto di partenza considerato di tutta tranquillità per l’ascesa al Nanga Parbat, nona vetta più alta vetta del mondo nell’Himalaya.

I talebani sono penetrati nel campo intorno all’una di notte, utilizzando uniformi dei “’Gilgit Scout”, un corpo paramilitare affiliato alle guardie di frontiera pachistane, mentre i turisti, i loro accompagnatori e il personale di sorveglianza stavano dormendo. Dopo aver radunato i presenti, che non hanno avvertito il pericolo vista la tenuta militare amichevole degli aggressori, i militanti li hanno portati in una zona appartata, perquisendoli e sottraendo loro tutti gli oggetti preziosi ed i passaporti. Poi li hanno uccisi perché “infedeli”.Prima di dileguarsi i guerriglieri hanno rilasciato le guide pachistane, tranne una, uccisa, ritenuta colpevole di essere uno sciita.

La rivendicazione è giunta dal portavoce del Ttp, Ihsanullah Ihsan, che ha parlato di atto di vendetta per l’uccisione, nel raid di un drone dell’esercito Usa, di Mufti Waliur Rehman, numero due del movimento fondamentalista sunnita.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico