Campania

Nel carcere di Secondigliano nasce una cooperativa agricola

 NAPOLI. Lavorare la terra per ritrovare dignità anche dietro le sbarre. E’ il senso del protocollo d’intesa siglato tra il carcere di Napoli di Secondigliano, l’assessorato regionale campano all’agricoltura e il garante territoriale dei detenuti.

La Regione Campania stanzia 3mila euro per la costituzione di una cooperativa composta dai detenuti che commercializzerà i prodotti dei 2 ettari di terreno coltivati da un gruppo di 8 carcerati condannati al massimo della pena.

VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico