Campania

“Fiore…come me”, il libro di Giuliana Covella sul femminicidio

 NAPOLI. Nella sala giunta della Regione Campania, a Napoli, la giornalista-scrittrice Giuliana Covella, ha presentato il suo ultimo libro “Fiore…come me”, la storia di dieci vittime di femminicidio, camorra e criminalità comune, edito da Spazio Creativo in collaborazione con la Fondazione Polis.

Presenti, insieme all’autrice, il governatore Stefano Caldoro, don Antonio Palmese di Libera e Paolo Siani. Letture a cura dell’attore Ferdinando Maddaloni. Oltre alla prefazione del magistrato antimafia Raffaele Cantone e l’introduzione di Paolo Siani, fratello del giornalista de “Il Mattino” Giancarlo, ucciso dalla camorra nel settembre 1985, il volume si avvale di un interessante contributo sul femminicidio scritto dalla giornalista Francesca Scognamiglio e dell’intervista, sullo stesso fenomeno, al vice presidente del Consiglio comunale di Napoli, Elena Coccia.

IL LIBRO. Emiliana Femiano, Teresa Buonocore, Matilde Sorrentino, Nunzia Castellano, Gelsomina Verde, Enza Cappuccio, Giuseppina Di Fraia, Palma Scamardella, Mena Morlando, Fiorinda Di Marino. Sono le dieci protagoniste di “Fiore…come me”, ultima fatica letteraria della giornalista Giuliana Covella, edito da Spazio Creativo Edizioni.

Nato in collaborazione con la Fondazione Po.li.s. della Regione Campania, il volume racconta le storie di dieci donne vittime di femminicidio (Nunzia, Enza, Fiorinda, Giuseppina, Emiliana), di camorra (Gelsomina e Palma) e di criminalità comune (Teresa e Matilde). Donne che narrano in prima persona il loro vissuto, la loro quotidianità e le loro passioni fino al tragico epilogo che le ha condotte alla morte per mano di spietati assassini. Nelle parole di queste “martiri laiche” emerge, forte, il contesto nel quale vissero e maturarono i fatti di sangue che le condussero alla morte.

VIDEO

Ma soprattutto lastraordinaria capacità di trasmettere, in chi legge, la loro vitalità di donne comuni e non “eroine” che hanno combattuto per difendere i diritti dei più deboli, come i bambini (Teresa e Matilde), o che hanno creduto erroneamente in un amore sbagliato (Fiorinda, Nunzia, Enza, Giuseppina, Emiliana) o, ancora, che sono state vittime inconsapevoli di un sistema malavitoso che le ha strappate per sempre ai loro affetti (Palma e Gelsomina).

L’AUTRICE. Giornalista professionista, Giuliana Covella, classe 1972, ha già pubblicato “Otto centimetri di morte – La fine del sogno di Luigi Sica” (2010) e “L’Uomo nero ha gli occhi azzurri – La storia di Nunzia e Barbara” (2012), entrambi con Guida editore. È stata redattrice del quotidiano “Napoilipiù – La Verità”, ha collaborato con “Il Roma” ed attualmente scrive per le pagine di cronaca de “Il Mattino”. Collabora, inoltre, con il settimanale “Gente”, con il periodico “Comunicare il Sociale” (Corriere della Sera) e con il portale web “Articolo 21”. È consulente per la Legalità presso la III municipalità del Comune di Napoli e consulente Anti racket per Sos Impresa – Confesercenti Napoli.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico