Mondragone - Carinola - Falciano del Massico

Debiti, attribuiti 2 milioni di euro al Comune

 MONDRAGONE. E’ stato pubblicato sul sito della Cassa Depositi e Prestiti la ripartizione tra i comuni italiani del prestito autorizzato dal Decreto Monti per l’estinzione dei debiti della pubblica amministrazione.

Il Comune di Mondragone, a fronte di una richiesta per 3,1 milioni di euro, si è vista accolta la richiesta per l’importo complessivo di 1.988.000 euro. “Si tratta di un risultato straordinario. – commenta l’assessore Francesco Nazzaro – Grazie all’ottimo lavoro svolto in collaborazione con il Responsabile dell’Area Finanziaria, Mario Polverino, abbiamo conseguito un risultato utile e concreto per tante imprese anche di Mondragone. Una prima tranche pari a circa 900mila sarà accreditata entro pochi giorni. Si tratta di liquidità certa che permetterà all’Ente di conseguire due risultati utili. Il primo è quello di azzerare una parte dei debiti dell’Ente. La quota riconosciuta è tale che ci permette di ridurre in modo sensibile la nostra posizione debitoria nei confronti di tanti fornitori. Il secondo risultato utile è quello di immettere denaro nel sistema produttivo locale”.

Con il Decreto-Legge 8 aprile 2013, n. 35 – pubblicato nella G.U. 8 aprile 2013, n. 82 – sono state emanate le “Disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione, per il riequilibrio finanziario degli enti territoriali, nonché in materia di versamento di tributi degli enti locali”.

In particolare, l’articolo 1, comma 10, del decreto legge in argomento ha istituito nello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze un Fondo distinto in tre sezioni, di cui una denominata “Sezione per assicurare la liquidità per pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili degli enti locali” con una dotazione di 2.000 milioni di euro per ciascuno degli anni 2013 e 2014.

Lo stesso articolo, al comma 13, prevede che gli enti locali che non possono far fronte ai pagamenti dei debiti per carenza di liquidità, chiedano alla Cassa depositi e prestiti a valere sulla citata Sezione, in deroga agli articoli 42, 203 e 204 del decreto legislativo 18 agosto 2000 n. 267, anticipazioni di liquidità.

Ciò consentirà agli stessi enti di procedere ai pagamenti dei propri debiti certi, liquidi ed esigibili, maturati alla data del 31 dicembre 2012, ovvero dei debiti per i quali sia stata emessa fattura o richiesta equivalente di pagamento entro lo stesso termine.

“Un risultato concreto a favore delle aziende di Mondragone e non solo. – commenta il sindaco Giovanni Schiappa – Un risultato concreto frutto di una intensa attività amministrativa che ci consente di conseguire in tempi rapidi un obiettivo utile sia alla posizione debitoria dell’Ente ma soprattutto per molte imprese locali e non. Con la quota di liquidità che ci è stata riconosciuta possiamo procedere nelle prossime settimane a chiudere tante posizioni debitorie e dare respiro a tante attività commerciali e produttive del nostro territorio”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico